Roghudi - Spettacolo ma soprattutto solidarietà e riflessione per lasciare un segno

Roghudi - Spettacolo ma soprattutto  solidarietà e riflessione per lasciare un segno

28.08.2016  18:15 - 

di Francesca Martino - 

Roghudi Nuovo, esilarante spettacolo tra musica, gusto e denuncia sociale

 

E’ stato un successo di pubblico l’incontro- dibattito sul disagio giovanile, che si è tenuto nella serata di ieri 27 agosto in Piazza Municipio a Roghudi Nuovo.

 

Numerosi  sono  stati i rappresentanti istituzionali così come il  mondo associativo che hanno preso parte all’appuntamento di forte valenza sociale, in cui sono stati messi in discussione differenti disagi sociali, come la ludopatia, la microcriminalità e la dispersione scolastica.

 

L’iniziativa è stata esilarante unita alla solidarietà.

 

“Senza chiedere spazi di visibilità voglio lanciare due elementi di discussione:il primo riguarda il minuto di silenzio, che abbiamo osservato per la tragedia accaduta nei giorni scorsi nel centro Italia – ha dichiarato Pierpaolo Zavettieri, Sindaco di Roghudi -

 

Noi abbiamo messo come da protocollo nazionale, le bandiere a mezza asta e stiamo portando avanti questa manifestazione all’insegna della beneficenza.

 

Ringrazio la Pro Loco; l’Associazione ANAS; tutta l’Amministrazione comunale,la cittadinanza e il parroco di Roghudi e San Lorenzo, don Giovanni Zampaglione che ha rilanciato un proposta importante.

 

L’idea avanzata dal parroco consiste che i primi cittadini dell’Area Grecanica diano l’indennità di funzione di sindaco. Io sono ben lieto di aderire all’idea presentata da don Giovanni e insieme a me anche altri sindaci del territorio hanno seguito il progetto.

 

Il prossimo 15 settembre è previsto un tavolo tecnico per la questione scuola in cui prenderanno parte diversi Dirigenti scolastici; molte amministrazioni comunali e in modo particolare le famiglie. Io ho dato la disponibilità per la realizzazione dell’evento presso l’Access Point Area Grecanica a Roghudi”.

 

Tra gli interventi ricordiamo quello di Leonella Stellitano, Assessore alla Cultura, Politiche Sociali e Presidente zonale “ANAS ITALIA” Roghudi.

 Stellilitano ha rimarcato la preziosità delle origini greco calabre del paese e la forza dei giovani, veri protagonisti rivoluzionari del territorio.

 

Invece Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia Regione Calabria ha sottolineato la tempestiva necessità di tutelare i diritti dei bambini.

 

“E’necessario mettere in campo le idee, al fine di salvaguardare i diritti dei minori.  Essere fattivi e non lascivi .Se c’è un nemico dei calabresi, quello è il calabrese stesso, dunque è fondamentale abbattere i futili retaggi culturali, realizzando così metodologie efficaci unite alla libertà di pensiero – ha spiegato Antonio Marziale”.

 

Nel corso del dibattito il sociologo ha messo in evidenza il lavoro svolto negli ultimi mesi, quali gli interventi sulla Scuola di Roccaforte del Greco e l’attivazione della rianimazione pediatrica nei tre presidi di Reggio Calabria, Catanzaro e Cosenza. Dei significativi passi per dare diritti ed opportunità ai minori della Calabria.

E’ importante avviare un attivo confronto ed una collaborazione  con le reti associative sorte in Calabria, per la difesa dei minori e ricercare interventi mirati  di contrasto a quelle povertà materiali ed educative che colpiscono la Regione – conclude Marziale

Subito dopo l’incontro - dibattito è seguito lo spettacolo umoristico a denuncia sociale a cura di Pippo Franco: “E’ importante avere sempre con sé l’ironia, soprattutto nei momenti difficili. Dobbiamo riprendere la nostra storia, per capire chi siamo realmente”.

La serata è stata conclusa in bellezza con lo show di Gigi Miseferi e Giacomo Battaglia. Un susseguirsi di battute spassose, musiche e sorrisi hanno racchiuso sotto un cielo stellato, una meravigliosa serata di fine estate.

“Abbuffatevi di libertà e non sarete mai stressati – concludono gli attori Battaglia e Miseferi”.

 

Cerca nel sito