Remarks by President Donald Tusk at the EU-China summit in Beijing-Pechino (inglese - italiano)

Remarks by President Donald Tusk at the EU-China summit in Beijing-Pechino (inglese - italiano)

 

 

Osservazioni del presidente Donald Tusk al vertice UE-Cina a Pechino
La ringrazio molto, soprattutto per la vostra ospitalità. Premier Li, sono molto lieto di incontrarmi con voi ancora una volta per il 18 ° vertice UE-Cina! Non è la prima volta che ci incontriamo, ma è il nostro primo incontro qui a Pechino.

L'incontro di oggi ci dà l'opportunità di dimostrare la forza del nostro partenariato strategico. Soprattutto in questi tempi di test, come UE e la Cina hanno entrambi una quota nel successo di ogni altro.

L'Unione europea si compiace della Presidenza del G20 della Cina di quest'anno. Potete contare l'UE a svolgere un ruolo costruttivo verso il raggiungimento di un vertice di successo a Hangzhou. Come due delle più grandi economie del mondo, l'Unione europea e la Cina hanno una quota importante, così come la responsabilità, nel garantire la crescita e la stabilità dell'economia globale.

L'Unione europea auspica di lavorare a stretto contatto con la Cina per risolvere i conflitti internazionali e affrontare le priorità di politica estera. Dobbiamo impiegare tutti i canali esistenti, sia sul piano bilaterale che in contesti multilaterali, come le Nazioni Unite e il G20. Sulla base dell'esperienza positiva dei colloqui sul nucleare dell'Iran, siamo fiduciosi c'è molto che possiamo contribuire alla pace e alla prosperità in tutto il mondo, in particolare in Siria, Iraq, Afghanistan o in Africa.

Lo stesso vale per questioni globali, come la migrazione, l'assistenza allo sviluppo internazionale, l'ambiente e la lotta al cambiamento climatico. Queste sono sfide che possono essere risolte solo attraverso una risposta globale. Per questo motivo, un collaborativo rapporto UE-Cina è cruciale.

Siamo venuti qui per discutere le sfide comuni, e di farlo in un modo amichevole. Uno di questi è la tutela dell'ordine internazionale basato sulle regole. Questo può essere il più grande davanti a sfida di noi. E 'sia nell'interesse cinese ed europea per proteggere la cooperazione internazionale sulla base di regole comuni.

Lasciatemi citare un esempio: la globalizzazione. Essa porta tanti vantaggi per le nostre nazioni. Purtroppo, sempre più persone sentono che sta accadendo senza regole. E se lasciamo questi sentimenti crescono, se molti cominciano a credere che la globalizzazione e il commercio internazionale stanno accadendo senza o contro le regole comuni, poi le prime vittime saranno le economie cinesi ed europei, per non parlare di persone. È per questo che stiamo alzando così apertamente questi problemi, perché crediamo che una franca discussione è nel nostro reciproco interesse.

Come in ogni società matura potremmo a volte avere divergenze di opinione. Ed essere in grado di discutere queste differenze è apertamente parte della forza del nostro rapporto. Questo è il caso, ad esempio, con la nostra discussione sui diritti umani e lo stato di diritto. Sottolineo l'importanza per l'Unione europea della libertà di stampa, la libertà di espressione, associazione e riunione, anche per le minoranze. Spero che la prossima sessione del dialogo sui diritti umani si terrà a novembre a Bruxelles.

Infine, sul Mar Cinese Meridionale vedremo un importante dirigente di oggi. Quindi mi permetta di ripetere questo: L'ordine internazionale basato su regole è nel nostro interesse comune e la Cina e l'Unione europea hanno per proteggerlo, in quanto questo è nel migliore interesse del nostro popolo.

Sono lieto, signor premier, che abbiamo questa tempestiva opportunità per affrontare la nostra sostanziale agenda comune. vertice di oggi dovrebbe inviare un messaggio al nostro popolo e al resto del mondo, del nostro impegno comune per il nostro partenariato strategico. Grazie.
 
 
 
 
 

 

Cerca nel sito