REGGIO CALABRIA MARIJUANA HOMEMADE: ARRESTATO TRANI. Altri interventi dei CC a Bagnara e Gioia Tauro

REGGIO CALABRIA MARIJUANA HOMEMADE: ARRESTATO TRANI. Altri interventi dei CC a Bagnara e Gioia Tauro

29.08.2016   9:50 - 

di Redazione

Il controllo capillare del territorio esercitato dai Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria in tutta la giurisdizione continua a produrre i propri effetti anche nella stagione estiva, particolarmente favorevole alla coltivazione di canapa indiana sia outdoor che indoor.

Al termine di un articolato servizio di osservazione, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile supportati da personale della Compagnia di Intervento Operativo del 12^ Battaglione Sicilia hanno tratto in arresto Trani Pasquale Gianluca, 44enne già noto alle FF.OO., poiché, a seguito di perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di:

-        nr. 4 piante di cannabis indica invasate di altezza variabile compresa tra 1 e 1,5 metri;

-        gr. 160,00 di marijuana già confezionata;

-        un bilancino di precisione,

il tutto posto sotto sequestro.

A seguito dell’arresto, i militari procedevano alla campionatura delle piante per le successive analisi qualitative e quantitative.

Al termine delle formalità di rito, il prevenuto veniva sottoposto agli arresti domiciliari, per ivi rimanervi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria reggina.

 

 

_____________________________________________________

27 agosto 2016, in Bagnara Calabra (RC), i Carabinieri della locale Stazione unitamente a personale dell’Aliquota Radiomobile traevano in arresto BAGALA’ Antonio, di anni 31 da Bagnara Calabra, già noto alle FF.OO., per i reati di violenza o minaccia a pubblico ufficiale, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Prefato, a bordo di un treno regionale nella tratta Melito di Porto Salvo – Rosarno, aggrediva il capotreno al fine di non essere sanzionato con la maggiorazione del titolo di viaggio. Inoltre, approfittando della fermata presso la stazione f.s. di Bagnara Calabra, si dava alla fuga cercando di far perdere le proprie tracce, ma veniva prontamente fermato ed identificato dai militari operanti tempestivamente intervenuti. Il Capotreno, visitato presso l’ospedale di Scilla, veniva riscontrato affetto da lesioni, giudicate guaribili in gg. 6.

 

 

28 agosto 2016, in Gioia Tauro (RC), i Carabinieri della locale Aliquota Radiomobile hanno tratto in arresto ALAMPI Giuseppe, di anni 47 da Gioia Tauro, già noto alle FF.OO., per il reato di maltrattamenti in famiglia, in esecuzione all’ordine di applicazione della misura cautelare personale emesso dal Tribunale di Palmi (RC) con specifica prescrizione dell’allontanamento della casa familiare.

 

CS Com. Prov. Car. RC

Cerca nel sito