NON TUTTI SONO MEGLIO DI NOI

24.07.2016  23:15

di Francesco Jachino - 

                                         

Che spettacolo quelle terre bruciate,come se già non ci avesse pensato la natura col clima e la scar-  sità di acqua,comunque siamo in buona compagnia, quanto a imbecillità criminale, con Roma  dove   dalle parti della Pontina dove col fuoco mica ci scherzano;anzi ci danno alla grande.                              Reggio Calabria e il suo lungomarre che a suo tempo D'Annunzio chiamò "Il chilometro e mezzo più     bello d'Italia"oggi, rifatto alla grande da Italo Falcomatà, sia almeno tra i più belli d'Europa e questo è  un problema poichè ogni lungomare verso la Jonica, al confronto, è un diretto allo stomaco;ma di quelli alla Cassius Clay/Moammed Alì dei tempi d'oro.                                                                                     

Melito Porto Salvo, lungomare Dei Mille rabberciato alla meno peggio, problemi antichi e nuovi,c'è anche per lui un motivo di concorrenza:Il Torino,cimelio storico del nostro Risorgimento,un paio di pinne   e una maschera e lo si ammira gratis;ma qui,dati alla mano la  concorrenza di Marsala neanche la ve- diamo.                                                                                                                                                          

9 giugno 1860,prima proposta per monumento allo sbarco; 1986,posa della prima pietra presente Bettino Craxi,allora Presidente del Consiglio;11 maggio 1989,il Genio Civile dichiara abusivo il cantiere;11 maggio 2016,inaugurazione in pompa magna (più magna che pompa,600 milioni costo somplessivo )   Thiè!!!!! Ti abbiamo fregato,Marsala!!!! Il nostro battello dopo 156 anni rimane irremovibile e affondato. Pinne,occhiali,lasciamo il fucile a Edoardo Vianello e immergiamoci ad ammirare ciò che ne resta.         

E che dire di Pentidattilo? Romeo un anonimo Montecchi, Bernardino Abenavoli discendente niente di   meno che da quel Ludovco che insieme ai dodici di Fieramosca umiliò i francesi, nel 1502,a Barletta.     

Giulietta amò solo Romeo, anche Antonia non aveva occhi che per Bernardino, almeno fin quando al   castello non arrivò Petrillo Cortez figlio del vicerè di Napoli e mandrilla oggi, mandrilla domani la bella  castellana cedette alle lusinghe del nuovo e più blasonato corteggiatore.                                                 

E Bernardino? Ferito nell'onore, peggio del Mimì metallurgico di Wertmulliana memoria, nonchè discendente da cotanto prode cavaliere reagisce come la sua shiatta impone: E fu strage.                                 

Facciamo un mini raginamento: La storia di Pentidattilo è molto più tragica; ma Verona trae dalla sua  maggiore profitto, visto che da noi abbondano gli imbecilli incendiari proviamo a chiamare la zona ince nerita intorno a Pentidattilo " Le colline nere "che tra l'altro fa tanto vecchio West; hai visto mai che a       volte un richiamo in più........                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

Cerca nel sito