Milano, arresti in asilo. Scavuzzo: “fatti inaccettabili. Comune parte civile e stretta sui controlli”. La vicesindaco: “I servizi all’infanzia continueranno a restare un vanto di questa città”

Milano, arresti in asilo. Scavuzzo: “fatti inaccettabili. Comune parte civile e stretta sui controlli”. La vicesindaco: “I servizi all’infanzia continueranno a restare un vanto di questa città”

-06 08 2016- Posted by Domenico Salvatore

 ARRESTI IN ASILO. SCAVUZZO: “FATTI INACCETTABILI. COMUNE PARTE CIVILE E STRETTA SUI CONTROLLI”

La vicesindaco: “I servizi all’infanzia continueranno a restare un vanto di questa città”

"Milano, 1 agosto 2016 – “Siamo sconvolti ed anche profondamente arrabbiati per la vicenda dell’asilo nido della Bicocca. Quanto accaduto tra quelle mura è inaccettabile- afferma la vicesindaco e assessore all’Educazione, Anna Scavuzzo -. I servizi all’infanzia sono sempre stati un vanto della città di Milano e continueranno ad esserlo. Per questo abbiamo deciso non solo di costituirci parte civile nel processo che seguirà la chiusura delle indagini ma anche ho dato disposizioni affinchè siano intensificati i controlli in tutte le strutture private accreditate”.

“Oggi l’accreditamento ha un aspetto prevalentemente formale e documentale – prosegue l’assessore – secondo quanto previsto dalla normativa regionale. Ma noi vogliamo fare un passo avanti e rendere sostanziale tale accreditamento, implementando il sistema delle verifiche operate dall’Amministrazione, così da garantire serietà e professionalità di chi si prende cura dei nostri cittadini più piccoli, a prescindere dal rapporto di interlocuzione che le strutture decidono di avviare con l’Amministrazione”.

Ad oggi l’apertura di un asilo nido – in seguito alla liberalizzazione introdotta dalla legge regionale n.3 del 2008 – richiede una semplice comunicazione preventiva di esercizio, a seguito della quale intervengono i controlli d’inizio attività della Azienda Sanitaria Territoriale (per i requisiti strutturali) e del Comune di Milano (per i requisiti di funzionamento).

Nel caso in cui un asilo nido richieda l’accreditamento del Comune di Milano – semplice riconoscimento formale del servizio, come quello ottenuto pochi mesi fa dal nido oggetto d’indagine, che non presuppone alcun tipo di supporto o finanziamento da parte dell'Amministrazione – gli operatori devono presentare una serie di titoli documentali: la Carta dei Servizi, un meccanismo di sondaggio della soddisfazione degli utenti, la garanzia che i criteri di accesso non siano discriminatori e che ci sia un rapporto di uno a sette tra educatori e bambini, titoli di studio del personale docente (laurea in Scienze dell’Educazione o Pedagogia, o diploma magistrale con almeno 5 anni di esperienza come educatore nella struttura).

Invece, nel caso in cui un asilo nido richieda anche il convenzionamento, invece, il rapporto tra l’operatore e l’Amministrazione si fa sostanziale, in modo da giungere alla stipula di un contratto di servizio (la cosiddetta convenzione) in base alla quale la struttura può ospitare bambini provenienti dalle graduatorie del Comune di Milano, adottandone la Carta dei Servizi e gli standard educativi, impegnandosi a presentare una relazione annuale sulla propria attività. Nei confronti di questi asili nido, l’Amministrazione procede a controlli periodici e a sorpresa (ne vengono effettuati almeno due per struttura ogni anno, salvo segnalazioni particolari richiedano una maggiore frequenza).

Attualmente a Milano esistono 104 nidi comunali a gestione diretta, che ospitano 5.422 bambini e 36 nidi comunali con gestione affidata in appalto a cooperative, che ospitano 2.302 bambini.

Le strutture private presenti sul territorio sono invece 297, con una capienza di 7.288 posti. Tra queste, 179 strutture sono accreditate, ma solo 142 sono convenzionate con il Comune di Milano per l’anno scolastico 2016/2017, durante il quale ospiteranno 1.957 bambini dalle graduatorie dell’Amministrazione."

Segreteria Ufficio Stampa - Comune di Milano

Cerca nel sito