Melito Porto Salvo, "Sfrattata" dall'amministrazione comunale l'associazione del Museo Garibaldino

Melito Porto Salvo, "Sfrattata" dall'amministrazione comunale l'associazione del Museo Garibaldino

 

08.07.2016 - 

Revoca concessione Museo Garibaldino all'associazione ‘Amici del Museo Garibaldino’ di Melito P.S.

MUSEO GARIBALDINO, ‘CONTROORDINE COMPAGNI’, SI CAMBIA, ‘SFRATTATA’ L’ASSOCIAZIONE CONCESSIONARIA

Di Claudia Pugliese

L’amministrazione Meduri revoca l’assegnazione del Museo Garibaldino all’Associazione “Amici del Museo Garibaldino”.

Dopo aver vinto un bando di gara indetto dall’allora commissione prefettizia del Comune di Melito Porto Salvo, Chiara Domenica Tropea, presidente dell’Associazione “Amici del Museo Garibaldino”, ha dovuto consegnare le chiavi della sede museale nella Casa comunale melitese.

Sono trascorsi due anni dall’assegnazione/concessione, era il 2014, ben due anni di piena attività all’interno dello stabile, tantissime le iniziative che hanno mantenuto vivo e attivo il Museo, dando lustro al contesto melitese.

Tra le attività: 900 bambini circa in visita da asili e scuole di provincia e regione, mediante un pacchetto che prevedeva anche una visita turistica nel borgo antico di Pentidattilo al fine di promuovere il territorio, anche mediante i laboratori didattici e l’esposizione di prodotti tipici; per non parlare delle mostre d’arte e di quelle fotografiche, dei convegni, congressi, presentazioni libri, eventi per bambini, eventi culturali e di beneficenza, manifestazioni sportive e un corso di formazione e.c.m. «Abbiamo lavorato tanto, e senza alcun sostegno economico, facendoci carico delle spese di manutenzione e delle pulizie riguardanti la struttura», dichiara senza giri di parole, la giovane presidente Tropea.

La stessa ribadisce: «Abbiamo ed ho messo tanta passione in questi due anni e in questo progetto, con l’obiettivo di consentire ai visitatori un rapporto diretto con la storia, di poterne fruire di persona, vivendola e raccontandola.

Il nostro fine è sempre stato quello di valorizzare e promuovere il museo, di ampliarlo e arricchirlo».

L’amministrazione melitese, sin dall’insediamento ha cercato di revocare la suddetta concessione all’associazione “Amici del Museo Garibaldino”, senza alcuna motivazione, né ragione.

Non sono bastati l’impegno, il lavoro, l’entusiasmo, la passione e l’attivismo di un’associazione che ha creduto fortemente in questo progetto e l’ha perseguito per un biennio. «Il mio auspicio è che il Museo non diventi una cattedrale nel deserto», conclude la presidente Tropea. Si attendono risvolti.

Claudia Pugliese

Cerca nel sito