L'angolo della poesia (vernacolare) a cura di Rosa Marrapodi

L'angolo della poesia (vernacolare) a cura di Rosa Marrapodi

-30 luglio 2016-

‘I me’ vacanzi

 

Non vaju mai luntanu pe’ vacanze,

 

non cercu posti novi i mi riposu;

 

u Munti Biancu meu è Scapparruni

 

a Costa ‘Zzurra mia, ‘a Marineglia.

 

Sugnu ‘nto menzu tra munti e marina

 

‘nta na conca ‘i zagara e vrivari,

 

a undi si posanu lagani e marvizzi,

 

a undi a stati non avi mai fini.

 

‘Nto mbernu da me casa non mi movu;

 

cu l’anchj russi russi di fucili,

 

davanti i zzumpi du me focularu,

 

guardu ‘a nivi chi cadi a Scapparruni

 

e na scialabetta mi ‘mbivu cu penzeru.

 

Quando ‘nta stati pira carda veni,

 

u me rifugiu è ‘a loggia a Marineglia,

 

a undi l’aria hjarva i gersuminu,

 

a undi l’argini si ccucchja ca hjumara.

 

Dormu supra nu lettu i rrina fina

 

e mi specchju ‘nta ll’unda verdi chiara.

 

Ssettata all’umbra di filici penzu e scrivu

 

e rusicandu calia e stomaticu

 

cu ll’occhj e barchi a mmare mi svariju.

 

 

Rosa Marrapodi-Gennaio 1989

 

Bruzzano Zeffirio in provincia di Reggio Calabria, 'borgo natio' della poetessa Rosa Marrapodi

Cerca nel sito