Calcio in Calabria Seconda Categoria girone E/ Il Futsal Melito risorge come l'araba fenice dalle sue stesse ceneri

Calcio in Calabria Seconda Categoria girone E/ Il Futsal Melito risorge come l'araba fenice dalle sue stesse ceneri

04 dicembre 2017     20:40

Posted by Domenico Salvatore-

Risultati immagini per Futsal Melito

Dopo la sconfitta a tavolino, un punto di penalizzazione e la squalifica di capitan Candito per un anno, batte in casa il quotato San Roberto Fiumara (2-1)

 

IL MELITO TORNA AL SUCCESSO, ZITTISCE  LA POLEMICA E SCACCIA LA CRISI

 

 Domenico Salvatore

 

MELITO PORTO SALVO (RC)-Per guarire da tutti i mali che attanagliano una squadra, non c'è miglior ricetta di una vittoria scacciacrisi, contro un avversario tosto ed irriducibile come il San Roberto Fiumara, di mister Mauro Mansueto, uno dei migliori, giunto al Marosimone col chiaro proposito di portarsi via l'intera posta in palio.

Hanno suonato la carica i due trainers: Ciccio Scordo con la tromba di Giovanni Crisostomo Martini alla Battaglia del Little Big Horn; Mauro Mansueto con la tromba di Michele Lacerenza al Conservatorio di Santa Cecilia in "Per un pugno di dollari".

In panchina Mico Tripodi,  un vincente, ha urlato come Luciano Pavarotti nei panni di Mario Cavaradossi ne "La Tosca" al Metropolitan di New York: non sapeva darsi pace per  il primo quarto d'ora, in cui la squadra in balìa della onde e di se stessa, ha girato a vuoto.

Immagine correlata

Salvatore Idà, vicepresidente  (ma in passato ha ricoperto la carica di presidente), aveva la cuccuma in corpo e la stanghette degli occhiali ballavano il rock and roll e la macarena, senza musica; le lenti uscivano fuori dai gangheri.

Il massimo dirigente Carmelo Laganà, sincopato, rannicchiato ed annichilito nel suo cantuccio, risucchiava la lingua sino alle corde vocali e strabuzzava gli occhi fuori dalle orbite.

La tifoseria locale di solito rumorosa e comunque pronta alla battuta, seguiva a bordo campo, in preda al delirium tremens, le manovre avvolgenti degli ospiti. Incapace di protestare quando l'arbitro assegna addirittura un calcio di rigore ai robertini.

Momento ropico se non catartico. Chi chiude gli occhi, chi stringe i pugni, chi guarda un'altra parte. Il rigore finisce per due volte consecutive sul palo. Il voodoo e la macumba non c'azzeccano.

Risultati immagini per Futsal Melito

Il Melito è sempre in catalessi, i murini fanno ciò che vogliono. Si sgranocchiano goal fatti ( di cui, col senno di poi, dovranno mangiarsi i gomiti e farsi venire gli eroici furori) e giocano a Tom e Jerry per  un brutto quarto d'ora. Ma un goal lo realizzano. Insufficiente per pareggiare. Figurarsi per vincere.

Il sindaco Roberto Vizzari al seguito della squadra in trasferta, non crede ai propri occhi di smeraldo della Colombia. Spinge le dita verso i capelli di 'Maciste'. Non è possibile fallire certi goal grandi come una.... casa.

A questo punto entra in scena Sua Maestà Bruno Pansera, il piede sinistro di Dio. Incontrista di mestiere, arpiona palloni, meglio di capitan Achab quando deve infiocinare la Balena Bianca.

Parte col fioretto di Andrea Cassarà, ma poi viene fuori la spada di  Giuseppe Delfino ed infine la sciabola di Aldo Montano. Si muove sul tappetino verde artificiale con l'eleganza di Gianni Rivera, la grazia di Claudio Sala, la velocità di Cristiano Ronaldo, la progressione di Kakà, la potenza di Gigi Riva e la forza di Francesco Totti.

I suoi lanci in profondità sono soffici come i fiocchi di neve a Courmayeur e Madonna di Campiglio; precisi come le lancette di un orologio svizzero; puntuali come gli aerei di Osaka. Sebbene, alcuni invitanti assist finiscano nel buco nero della Galassia Nana.

 Risultati immagini per Futsal Melito Risultati immagini per Melito Porto Salvo calcio

Il granatiere Vincenzino Zaccone sguscia come un'anguilla delle Valli di Comacchio e salta tutte le trappole, tranelli e trabocchetti come la volpe del deserto.

Un invito a nozze per Riccardo ('Cuor di leone') Favasuli, libero da marcature asfissianti. Un vero poeta del goal. Scrosciano gli aplausi come alla Scala di Milano, quando va in onda La Boeme, Tosca o la Turandot.

I padroni di casa mettono il risultato in cassaforte e lo blindano come si fa con i rubini di Enrico VIII°, gli zaffiri dello Sri Lanka ed un topazio del Sudafrica.

Risultati immagini per Futsal Melito

I canarini sganciano bombe di ogni tipo e missili terra aria dalla loro rampe semoventi, ma la corazzata melitese resiste anche a Little Boy.Nelle ripresa i fiumaresi si lanciano nella mischia e schiacciano l'acceleratore a tavoletta nel tentativo di Guuantare almeno il pareggio. Tempo perso signor maestro. La muraglia cinese regge.

Gli ospiti montano su tutte le furie. Non è possibile non segnare un golletto piccolo così. Cinge e stringe da ogni parte. Ventuno gicatori nella metà campo melitese, ma non si trova il pertugio giusto; nemmeno con l'aiuto del dottor Stilton se non di Topo Gigio e financo di Speedy Gonzales.

Ci è sembrata buona la direzione dell'arbitro di turno, che ha dimostrato fermezza, decisione e  carisma. Non era facile, visti i chiari di luna, ma ce l'ha fatta a sciogliere il nodo gordiano.

Il Melito si rilancia in classifica e ritiene di poter dire la sua per un posto nella griglia dei play-off. Benchè sia ancora prematuro buttarsi in pronostici azzardati. Forse, dopo la Befana, si avranno più riferimenti precisi.

Risultati immagini per Futsal Melito

Risultati immagini per Melito Porto Salvo calcio

Per il titolo di campione d'inverno, si prenota la Fortitudo. Sebbene la Ludos Vecchia Miniera, non abbia nessuna voglia di rinunciarvi. Sono proprio queste due squadre a dominare per ora ed a polarizzare l'attenzione della platea.

Domenico Salvatore

*********************************************************

 

Galleria fotografica di dosa

Cerca nel sito