Bruxelles - 80 million Europeans with disabilities need better access to websites and mobile applications. On 18 July 2016 the Council formally approved the public sector web accessibility directive

Bruxelles - 80 million Europeans with disabilities need better access to websites and mobile applications. On 18 July 2016 the Council formally approved the public sector web accessibility directive

18.07.2016 - 16.45 - Inglese e Italaino

80 million Europeans with disabilities need better access to websites and mobile applications. To make it happen, on 18 July 2016 the Council formally approved the public sector web accessibility directive agreed with the European Parliament in May.

As the EU population ages, the number of people with a disability or age-related limitation is expected to increase to 120 million by 2020. By making digital products and services accessible to all users, the directive plays a crucial role in ensuring that all of us can fully participate in the digital society and economy. This directive will greatly simplify the accessibility and use of services by disadvantaged people.

“We consider as essential the establishment of technical standards, the monitoring mechanism and the subsequent conformity check. I would like to congratulate the Dutch presidency for bringing this important initiative to a successful close,” said Slovak Deputy Prime Minister for Investments and the Information Society Peter Pellegrini.

Soon, the websites and mobile apps of administrations, public hospitals, courts and other public bodies will have to meet common European accessibility standards. The directive sets out minimum conditions, allowing member states to establish even stronger requirements. They may also apply these requirements and/or additional ones to the websites and apps of other types of organisations.

People will be able to request specific information if content is inaccessible or to report compliance issues simply by clicking on a feedback link.

To make sure that the rules are put into practice, member states must monitor the conformity of their public sector websites and apps. An enforcement procedure will guarantee that requests and notifications receive a due response.

A harmonised set of rules is expected to boost the development and sales of more automated and innovative accessibility products. A more integrated market should bring wider choice and cut prices across the EU, contributing to even greater inclusion, jobs and growth.

When will it become law?

The text adopted today is the Council position at first reading. To complete the procedure, the Parliament must approve the text at its second reading.

The directive will enter into force twenty days after its publication in the EU Official Journal. This is expected to take place in the autumn.

Member states will then have 21 months to adopt national provisions to comply with the directive, i.e. 'transpose' it. New websites (websites published after the transposition) must be compliant one year later, older websites two years and mobile apps 33 months later.

 

____________________________________________

On 3 May 2016, the Netherlands presidency reached an informal deal with the European Parliament on a new directive to make public sector websites and mobile applications more accessible, especially for people with disabilities.

What websites, apps and content will be covered?  

The draft directive requires member states to ensure that public sector websites and mobile applications meet European accessibility standards. The rules will include, for example, guidelines on providing descriptions of non-textual content for persons with visual limitations, or on creating content that can be better presented across a range of devices. These requirements will make content more accessible and usable to a wider public, and will especially benefit people with various types of disabilities. 

The new rules will apply both to websites and mobile applications (apps) of public sector bodies. These include state, regional and local authorities, and bodies and associations serving the general interest that are governed by public law, such as an association of adjacent municipalities which organises joint waste management. 

The directive sets out minimum conditions, allowing member states to apply additional requirements to public sector websites and apps. They may also apply the requirements set out in this directive and/or additional ones to the websites and apps of other types of organisations. 

Under the Netherlands presidency, the scope of the directive has been extended to mobile applications, which are more popular than websites. The directive also covers extranets and intranets that are published after the new rules come into force and older ones that undergo substantial revision, allowing employees and students to access information that is essential in their daily lives. 

In order to strike a balance between accessibility and an undue burden on public sector bodies, the directive excludes certain types of content, such as third party content (e.g. user-generated content in a twitter feed) and heritage collections held by libraries and museums. Live audio-visual media is likewise excluded, but if it is kept online after the live broadcast, it has to be made accessible. 

Moreover, the directive enables individuals to request specific information on demand if the content is inaccessible. This falls within a specially designed feedback system, which includes the obligation for public sector bodies to provide information on their compliance with the requirements. This accessibility statement must also include a link to a feedback mechanism, so that it is easy for any user to report compliance issues. 

When will the rules enter into force? 

The directive will enter into force 20 days after its publication in the EU Official Journal. After this, member states will have 21 months  to adopt national legislation to comply with it. They must start applying the new rules to new websites (websites published after the 'transposition' date) one year later. For older websites the deadline is two years and for mobile apps 33 months after the transposition date.  

Greater choice and reduced prices for accessibility products across the EU 

A harmonised set of rules is expected to boost the market for accessibility-related products and services in the EU. It will reduce the costs of developing such products and marketing them in different EU countries. This will benefit a wide range of economic operators from website and app-developers to software tool producers and training providers. Suppliers of web accessibility include a large number of small and medium-sized enterprises, which are essential in contributing to growth and competitiveness. 

As more automated and innovative accessibility tools are expected to emerge on the market, increasing accessibility will become easier and less costly. This is particularly important for the public sector, so that it can provide its online services to all citizens. 

Accessible digital products and services will make it easier for all, including people with disabilities or age-related limitations, to participate in (digital) society. 

What's next? 

The presidency will submit the outcome of the negotiations for approval by member states at a meeting of the Permanent Representatives Committee  in the next couple of weeks.

 

===============================================================================

ITALIANO

80 milioni di europei con disabilità hanno bisogno di un migliore accesso ai siti web e applicazioni mobili. Per realizzarlo, il 18 luglio, 2016 il Consiglio ha formalmente approvato la direttiva accessibilità del web del settore pubblico d'accordo con il Parlamento europeo in maggio.
Con l'invecchiamento della popolazione dell'UE, si prevede che il numero di persone con disabilità o limitazione legata all'età di aumentare a 120 milioni entro il 2020. Facendo prodotti e servizi accessibili a tutti gli utenti digitali, la direttiva svolge un ruolo fondamentale nel garantire che tutti i siamo in grado di partecipare pienamente alla società digitale e l'economia. Questa direttiva semplificherà notevolmente l'accessibilità e l'utilizzo dei servizi da parte di persone svantaggiate.
"Consideriamo essenziale la creazione di standard tecnici, il meccanismo di controllo e il successivo controllo di conformità. Vorrei congratularmi con la Presidenza olandese per portare questa importante iniziativa per il successo vicina ", ha detto slovacca Vice Primo Ministro per gli investimenti e la società dell'informazione Peter Pellegrini.
Ben presto, i siti web e applicazioni mobili delle amministrazioni pubbliche, ospedali, tribunali e altri enti pubblici dovranno soddisfare gli standard europei comuni di accessibilità. La direttiva stabilisce le condizioni minime, consentendo agli Stati membri di stabilire requisiti ancora più forti. Essi possono anche applicare questi requisiti e / o quelli aggiuntivi ai siti web e applicazioni di altri tipi di organizzazioni.
Le persone saranno in grado di richiedere informazioni specifiche se il contenuto è inaccessibile o per segnalare problemi di conformità semplicemente cliccando su un link di feedback.
Per assicurarsi che le regole siano messi in pratica, gli Stati membri devono monitorare la conformità dei loro siti web del settore pubblico e applicazioni. Una procedura di esecuzione garantirà che le richieste e le notifiche ricevono una risposta dovuta.
Un insieme armonizzato di regole è prevista per favorire lo sviluppo e la vendita di prodotti più automatizzati e innovativi di accessibilità. Un mercato più integrato dovrebbe portare scelta più ampia e ridurre i prezzi in tutta l'UE, contribuendo ad una maggiore inclusione, l'occupazione e la crescita.
Quando sarà diventato legge?
Il testo adottato oggi è la posizione del Consiglio in prima lettura. Per completare la procedura, il Parlamento deve approvare il testo in seconda lettura.
La direttiva entrerà in vigore venti giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. Questo dovrebbe avvenire in autunno.
Gli Stati membri avranno poi 21 mesi di tempo per adottare disposizioni nazionali per conformarsi alla direttiva, vale a dire 'recepire' esso. Nuovi siti web (siti web pubblicati dopo la trasposizione) devono essere conformi un anno dopo, anziani siti web due anni e applicazioni mobili di 33 mesi più tardi.
 

____________________________________________
Il 3 maggio 2016, la Presidenza olandese ha raggiunto un accordo informale con il Parlamento europeo su una nuova direttiva per rendere i siti web del settore pubblico e applicazioni mobili più accessibile, soprattutto per le persone con disabilità.
Quali siti web, applicazioni e contenuti saranno coperti?
Il progetto di direttiva impone agli Stati membri di garantire che i siti web del settore pubblico e applicazioni mobili conformi agli standard di accessibilità europee. Queste regole comprendono, ad esempio, le linee guida sulla fornitura di descrizioni di contenuto non testuale per le persone con limitazioni visive o sulla creazione di contenuti che possono essere meglio presentato in una vasta gamma di dispositivi. Questi requisiti saranno rendere il contenuto più accessibile e fruibile a un pubblico più vasto, e beneficeranno in modo particolare le persone con diversi tipi di disabilità.
Le nuove norme si applicheranno sia ai siti web e applicazioni mobili (applicazioni) di enti pubblici. Questi includono statali, regionali e locali autorità, enti e associazioni che servono l'interesse generale che sono di diritto pubblico, come ad esempio un'associazione di comuni limitrofi che organizza la gestione dei rifiuti congiunta.
La direttiva stabilisce le condizioni minime, consentendo agli Stati membri di applicare ulteriori requisiti per i siti web del settore pubblico e applicazioni. Essi possono anche applicare i requisiti di cui alla presente direttiva e / o quelli aggiuntivi per i siti web e applicazioni di altri tipi di organizzazioni.
Sotto la Presidenza olandese, il campo di applicazione della direttiva è stato esteso alle applicazioni mobili, che sono più popolari di siti web. La direttiva copre anche le extranet e intranet che vengono pubblicate dopo le nuove regole entrano in quelli di forza e anziani che subiscono la revisione sostanziale, consentendo ai dipendenti e agli studenti di accedere alle informazioni che è essenziale nella loro vita quotidiana.
Al fine di trovare un equilibrio tra accessibilità e un onere eccessivo per gli enti pubblici, la direttiva esclude alcuni tipi di contenuti, come ad esempio contenuti di terze parti (ad esempio, contenuti generati dagli utenti in un feed Twitter) e collezioni di beni detenuti da biblioteche e musei. mezzi audiovisivi dal vivo è pure escluso, ma se è mantenuto in linea dopo la trasmissione in diretta, deve essere reso accessibile.
Inoltre, la direttiva permette agli individui di richiedere informazioni specifiche su richiesta se il contenuto è inaccessibile. Questo si inserisce in un sistema di feedback appositamente progettato, che include l'obbligo per gli enti pubblici di fornire informazioni sulla loro conformità ai requisiti. Questa dichiarazione di accessibilità deve includere anche un link a un meccanismo di feedback, in modo che sia facile per qualsiasi utente di segnalare problemi di conformità.
Quando saranno le regole entrano in vigore?
La direttiva entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. Dopo questo, gli Stati membri avranno 21 mesi di tempo per adottare una legislazione nazionale per conformarsi ad essa. Devono iniziare ad applicare le nuove regole per nuovi siti web (siti web pubblicati dopo la data 'trasposizione') un anno dopo. Per i siti web più anziani la scadenza è di due anni e per applicazioni mobili di 33 mesi dopo la data di recepimento.
Una maggiore scelta e riduzione dei prezzi dei prodotti di accessibilità in tutta l'UE
Un insieme armonizzato di regole è prevista per stimolare il mercato per i prodotti e servizi di accessibilità legati nell'UE. Esso contribuirà a ridurre i costi di sviluppo di tali prodotti e loro commercializzazione nei diversi paesi dell'UE. Ciò andrà a beneficio di una vasta gamma di operatori economici dal sito web e app-sviluppatori di produttori di tool software e fornitori di formazione. I fornitori di accessibilità del web comprendono un gran numero di piccole e medie imprese, che sono essenziali nel contribuire alla crescita e alla competitività.
Come più automatizzati e strumenti di accessibilità innovativi si prevede l'emergere sul mercato, migliorare l'accessibilità diventerà più facile e meno costoso. Ciò è particolarmente importante per il settore pubblico, in modo che possa fornire i servizi online a tutti i cittadini.
prodotti e servizi digitali accessibili renderà più facile per tutti, comprese le persone con disabilità o limitazioni legate all'età, di partecipare alla società (digitale).
Qual'è il prossimo?
La Presidenza presenterà l'esito dei negoziati per l'approvazione da parte degli Stati membri in una riunione del Comitato dei Rappresentanti Permanenti nel prossimo paio di settimane.
 
 
 
 

 

 

 

Cerca nel sito