Brancaleone,Quest’anno- spiega il Presidente della Pro-Loco, Carmine Verduci- prende vita un progetto di riqualificazione e riscoperta delle risorse territoriali

Brancaleone,Quest’anno- spiega il Presidente della Pro-Loco, Carmine Verduci- prende vita un progetto di riqualificazione e riscoperta delle risorse territoriali

 

 

-24 07 2016-Brancaleone, il quarto work – shop territoriale cambia volto e significato

Il quarto work - shop territoriale ha cambiato volto e significato. La manifestazione culturale mette in risalto delle specifiche aree tematiche, proposte anche alla politica locale, al fine di valutare e promuovere il territorio, da un punto di vista storico, antropologico e gastronomico.

Ricordiamo che nel corso della prima edizione che si è tenuta nel 2013, il work shop ha portato avanti determinati obiettivi, quali: la valorizzazione epromozione delle risorse territoriali dell’Area Grecanica, invece nella seconda è stato protagonista il potenziamento delle qualità turistiche del luogo e nella terza si è messo in risalto lo sviluppo dei borghi di Brancaleone-Staiti-Bruzzano e Ferruzzano.

“Quest’anno- spiega il Presidente della Pro-Loco di Brancaleone, Carmine Verduci- prende vita un progetto di riqualificazione e riscoperta delle risorse territoriali, naturalistiche-storico-antropologiche  ed enogastronomiche della cittadina di Brancaloene e territori limitrofi.

Durante la giornata saranno realizzati percorsi di trekking urbano, archeologico, laboratori di lettura e gastronomia tipica con la straordinaria partecipazione della condotta Slow-Food Reggio Calabria Area Grecanica, che per la prima volta nella storia della cittadina, arriverà a Brancaleone per tenere una sessione dedicata all’arte bianca dei Grani in Aspromonte.

La location sarà la Casa del Confino di Cesare Pavese, splendida cornice per le varie attività, che si susseguiranno nel corso della giornata.

La Casa del Confino, grazie al suo proprietario l’Avv. Tonino Tringali, ospita numerosi eventi culturali organizzati dalla Pro-Loco ed altre Associazioni.

Inoltre, il work-shop rientra nella programmazione del progetto di successoKalabria Experience Tour, portato ormai avanti da circa un anno e mezzo dalla Pro-Loco e intende potenziare il territorio calabrese, proponendo camminate e trekking culturali nella provincia di Reggio Calabria e non solo, infatti si avvale pure di preziose collaborazioni esterne , arrivando oltre il confine provinciale e regionale.

Quello del 31 luglio sarà un appuntamento unico, che segue un rodaggio di tre anni di esperienza- conclude Verduci- che è maturato sulla scia del progetto iniziale, ovvero la presa di coscienza, che il territorio di Brancaleone può offrire numerosi spunti ad un rilancio serio e concreto del turismo in quest’area

Dunque, appuntamento domenica 31 Luglio ore 09:00 presso la casa del confino di Cesare Pavese (C.so Umberto I°) di fronte al ristorante Venezia per l’accoglienza e la proiezione di un docu-film riguardante la vita le opere ed il confino a Brancaleone dello scrittore Piemontese, con una colazione a base di prodotti tipici locali offerte dalle aziende partner: La Collina Verde, Valle Armenia, Panificio Larizza.

Seguiranno le visite presso il Centro recupero tartarughe marine  e al nascente Museo del Mare insieme all’Assessore alla Cultura del Comune di Brancaleone, che illustrerà le fasi successive alla costituzione e all’allestimento del Museo.

Subito dopo avrà luogo il pranzo presso l’azienda Patea a base di prodotti di produzione propria; la degustazione della granita al Bergamotto presso Lido Solaria ed il laboratorio pomeridiano con Slow-food presso la casa del confino di Cesare Pavese.

A conclusione evento sarà la volta dell’escursione tra i ruderi di Brancaleone Vetus con Sebastiano Stranges Vincenzo De Angelis, che faranno da guide e per i più esperti sarà possibile l’occasione di conoscere le antichissime grotte, scoperte di recente, grazie alle indagini archeologiche effettuate da Carmine Verduci e Sebastiano Stranges, che nel mese di gennaio diedero notizia della scoperta, dopo i rilevamenti effettuati dal collaboratore Geom. Carlo Fiumanò.

 

 

  

Brancaleone, da sinistra: Sebastiano Stranges, Vincenzo De Angelis e Carmine Verduci

 

L’organizzazione fa sapere che la quota di partecipazione sarà devoluta a sostenere il progetto Salviamo Brancaleone Superiore ancora in fase attuativa ed il centro di recupero tartarughe marine.

Tutto questo sarà un modo di fare cultura sostenendo alcune realtà del terzo settore, che operano nel territorio Brancaleonese.

Per partecipare occorrerà chiamare al numero 347-0844564 rilasciando i nominativi e dati anagrafici. Ad ogni partecipante sarà rilasciato un attestato di partecipazione valido ai fini di crediti formativi o curriculari.

Francesca Martino

Cerca nel sito