Ardore Marina , rubano l’erba dal parco giochi dei bambini !

Ardore Marina  , rubano l’erba dal parco giochi dei bambini !

  09/07/2016 

di Mimmo Musolino  -                                                                                                                                                                                                

 Ho sbirciato distrattamente questa  notizia su un quotidiano  e sono passato avanti e non ho approfondito la lettura  .                                                Ho pensato a qualche piccolo parco giochi, in qualche  paese del terzo mondo, e costruito dalla Caritas  con i ricavati delle elemosine raccolte in Chiesa la Domenica o nei giorni di festa.                                                                  

        Ed ho ragionato, impropriamente:  va bè i bambini giocheranno sulla sabbia o sulla terra ( tanto sono abituati ) ma almeno qualche famiglia oggi vincerà la terribile lotta quotidiana contro la fame che rappresenta la sciagura ed impari  lotta giornaliera di milioni di famiglie, e non solo nei paesi del terzo mondo.     

Ma io avevo già visto quella pagina ma, con tutta evidenza, il mio inconscio rifiutava di constatare che quel vile latrocinio non era avvenuto in un paesino sperduto del terzo mondo ma bensì nella Calabria e precisamente in un paese posto come una “acquamarina”  sul litorale jonico della .. Locride .  

Pur conoscendo molto, ma molto bene quel paese, per avere trascorso tante  giornate al mare, ero tentato di prendere l’ atlante geografico per maggiore certezza, verifica e sicurezza .                                                                                  

Ma , purtroppo, non vi erano dubbi, anche perché era riportato il nome del sindaco il quale esternava il suo svilimento e la vergogna in cui era stato  gettato il buon nome dell’intero paese.                                                                                  

Ed allora mi sono venute  alla mente delle memorabili frasi del poeta  di Ardore , l’indimenticabile  Mario V. Careri nel suo racconto “ JUHA “ :

Di voti ‘nci girava ‘u cirivellu                                                                                                                 

pemmu ‘rrancianu ‘i pasta na brocciata,                                                                     

‘‘nu ‘nu jharvu d’ ogghiu ‘nta ‘nu bicchierellu                                                                

cunduta mu sa fannu cu l’agghiata !                                                                                                   

Jenu avanti accossì, com’è  pezzenti,                                                                                      

cuntrariati  ‘i   ‘na  pputtana sorti                                                                                            

ammenzu a milli tribuli ed a stenti !                                                                                   

Ma ‘na speranza ‘mpedi  li tenìa ;                                                                                         

ca, prima ancora u si presanta  ‘a morti,                                                                                             

‘lla vita miserabili finìa.

  Chissà forse i “ ladricegli “ avranno pensato che     con qualche metro quadrato  di erba sintetica  e qualche centinaio di euro   avrebbero potuto mettere fine allo loro miseria  ma , purtroppo, mai e poi mai  alla loro vergogna e miseria morale.                                                                             

                          

Cerca nel sito