STIN GHITONÌA (NEL VICINATO). Le zuffe tra donne

12.07.2016 09:33

Rubrtica Europa Ellenofona di Filippo Violi - 

Non era raro che nella “ghitonìa o ruga” (il vicinato) scoppiasse qualche zuffa tra donne. I motivi potevano essere i più disparati: questioni d’interesse, chiacchere tra vicine, la precedenza nell’attingere l’acqua alla fontana, lo sfottò, le parole dette col doppio senso, i litigi tra bambini con conseguente intervento dei grandi, ma soprattutto forme di gelosia o la delazione di qualche “ruffiana”.
Da qui l’immediato litigio o un periodo di incubazione di odio e rabbia fino alla provocazione diretta e al conseguente scontro fisico e parolaio. La lite si coloriva di parole spinte quando la zuffa avveniva tra una donna sposata ed una nubile. Infatti l’aggressività della giovane veniva stigmatizzata con urla e grida oscene:
……….
“Su vràzzi to scintìno....! su vràzzi, jatì den ìse prandemmèni...! Egò ìmme prandemmèni, ce a mmu vrài, egò ècho t’àlogo...! esù den to èchise...! rizze èma!”
………….
“Ti brucia il pube...! ti brucia, perché tu non sei sposata...! Io sono sposata, e se brucia a me, io ce l’ho il cavallo...! tu non ce l’hai...! butta sangue.”
…………
“Pòsson gùrro s’èchi vurriamèni! “
“Quanta fregola ti ha eccitata!”
………..
La lite terminava lì, ma avrebbe avuto sicuramente un seguito nella lunga inimicizia tra le due donne che non sempre comunque, doveva necessariamente coinvolgere gli uomini. E non era raro che una delle due continuasse a indirizzare all’altra tutta una serie di “maledizioni” soprattutto per il comportamento della nubile. Ecco un canto di odio, raccolto a Roccaforte, pronunciato da una donna, nei confronti della rivale, dopo una zuffa1:
………….
I mànasu na mbèi na se clàzzi,
ti èchi tin cefalì tripimèni.
Ce pìo sònni ta òlasu mai gràzzi,
ce azze pòssus ìse fagomèni?
Avri o pappùssu ta cèria na su aspi,
jà na chathì to èmasu, o kakomèni!
Methàvri stìn bàra i mànasu na se clàzzi,
an acomì den ìse apethammèni
…………..
Che tua madre entri a piangerti,
perché hai la testa bucata.
E chi può mai scrivere tutte le tue cose,
e da quanti sei divorata (portata a letto)?
Possa tuo nonno domani accenderti le candele,
perché si perda il tuo sangue, o malvagia!
Posdomani ti pianga tua madre nella bara,
se ancora non sei morta!
Come si vede la vicina di casa non scherza, né con le maledizioni né con il linguaggio “grasso” nei confronti della rivale! E a proposito di imprecazioni e di maledizioni (càtare) è abbastanza ricco il dizionario grecanico, anche se la gente era convinta che soltanto il “gabbo” aveva efficacia mentre le imprecazioni no!..(i perghelìa pianni ce i càtara dè ! “Il gabbo fa effetto la maledizione no”). Vediamone alcune:
- Che tu possa cadere in un burrone // ti na fanì ngremmimèno;
- cornuto! // ceratàro
- che tu possa diventare nero // màvro n’afanìse
- le corna che hai // ta cèrata ta dicàsu
- che tu possa crepare bruciato // lucìsi na se càzzi
- che ti possa mangiare un male // na se fài cacò
- crepa, getta sangue // rizz’èma (Gall.:risce èma)
- vai ad ammazzarti // àme spàga (spàzza)
- Cane bovese // scìddho vutàno
- che tu possa romperti i piedi // na klastìse ta pòdia
- che ti cada la testa per terra // i cefalì na su ppèi cì chàmme
- che tu possa diventare cieco // stravò na fanìse
- che ti possa mangiare diarrea // na se fài chìma
- che ti possa mangiare veleno! // na se fài zargàra!
- che ti prenda una paralisi // na se piài mìa paralisìa
- che tu possa restare solo // na mìnis èrremo
- che ti prenda male nel deretano // na se piài kakò sto tafanàri
- sei come una cagna figliata // ìse san mìa scìddha jennimèni
- che ti prenda l’itterizia // na se piài zzacharàna
- vai e rompiti il culo // ébba clà stòn gòlo
- vaffanculo // piàti ston gòlo
- non mi rompere i coglioni // mi mu clàse t’arkìdia
- la fica di tua madre // to mùnno ti mmànasu
- ti prude? (letteralmente: ti mangia?) // su tròghi?
- figlio di puttana! // jò àzze cùna.

Profonde, rituali e misteriose erano poi le maledizioni delle madri nei confronti di un figlio. Esse non si limitavano semplicemente alle imprecazioni, ma le stesse venivano pronunciate in atteggiamento fisico di disperazione, con i capelli scissi, in ginocchio, il seno scoperto rivolto verso oriente, nell’atto di maledire il proprio stesso seno e il latte che il figlio aveva succhiato.

 

_________________________________________________________

 1 G. Rossi Taibbi - G. Caracausi, Testi Neogreci di Calabria, I.S.S.B.N., Palermo, 1959, p. 5

STIN GHITONÌA
(NEL VICINATO)
Le zuffe tra donne
Non era raro che nella “ghitonìa o ruga” (il vicinato) scoppiasse qualche zuffa tra donne. I motivi potevano essere i più disparati: questioni d’interesse, chiacchere tra vicine, la precedenza nell’attingere l’acqua alla fontana, lo sfottò, le parole dette col doppio senso, i litigi tra bambini con conseguente intervento dei grandi, ma soprattutto forme di gelosia o la delazione di qualche “ruffiana”.
Da qui l’immediato litigio o un periodo di incubazione di odio e rabbia fino alla provocazione diretta e al conseguente scontro fisico e parolaio. La lite si coloriva di parole spinte quando la zuffa avveniva tra una donna sposata ed una nubile. Infatti l’aggressività della giovane veniva stigmatizzata con urla e grida oscene:
……….
“Su vràzzi to scintìno....! su vràzzi, jatì den ìse prandemmèni...! Egò ìmme prandemmèni, ce a mmu vrài, egò ècho t’àlogo...! esù den to èchise...! rizze èma!”
………….
“Ti brucia il pube...! ti brucia, perché tu non sei sposata...! Io sono sposata, e se brucia a me, io ce l’ho il cavallo...! tu non ce l’hai...! butta sangue.”
…………
“Pòsson gùrro s’èchi vurriamèni! “
“Quanta fregola ti ha eccitata!”
………..
La lite terminava lì, ma avrebbe avuto sicuramente un seguito nella lunga inimicizia tra le due donne che non sempre comunque, doveva necessariamente coinvolgere gli uomini. E non era raro che una delle due continuasse a indirizzare all’altra tutta una serie di “maledizioni” soprattutto per il comportamento della nubile. Ecco un canto di odio, raccolto a Roccaforte, pronunciato da una donna, nei confronti della rivale, dopo una zuffa1:
………….
I mànasu na mbèi na se clàzzi,
ti èchi tin cefalì tripimèni.
Ce pìo sònni ta òlasu mai gràzzi,
ce azze pòssus ìse fagomèni?
Avri o pappùssu ta cèria na su aspi,
jà na chathì to èmasu, o kakomèni!
Methàvri stìn bàra i mànasu na se clàzzi,
an acomì den ìse apethammèni
…………..
Che tua madre entri a piangerti,
perché hai la testa bucata.
E chi può mai scrivere tutte le tue cose,
e da quanti sei divorata (portata a letto)?
Possa tuo nonno domani accenderti le candele,
perché si perda il tuo sangue, o malvagia!
Posdomani ti pianga tua madre nella bara,
1 G. Rossi Taibbi - G. Caracausi, Testi Neogreci di Calabria, I.S.S.B.N., Palermo, 1959, p. 5
se ancora non sei morta!
Come si vede la vicina di casa non scherza, né con le maledizioni né con il linguaggio “grasso” nei confronti della rivale! E a proposito di imprecazioni e di maledizioni (càtare) è abbastanza ricco il dizionario grecanico, anche se la gente era convinta che soltanto il “gabbo” aveva efficacia mentre le imprecazioni no!..(i perghelìa pianni ce i càtara dè ! “Il gabbo fa effetto la maledizione no”). Vediamone alcune:
- Che tu possa cadere in un burrone // ti na fanì ngremmimèno;
- cornuto! // ceratàro
- che tu possa diventare nero // màvro n’afanìse
- le corna che hai // ta cèrata ta dicàsu
- che tu possa crepare bruciato // lucìsi na se càzzi
- che ti possa mangiare un male // na se fài cacò
- crepa, getta sangue // rizz’èma (Gall.:risce èma)
- vai ad ammazzarti // àme spàga (spàzza)
- Cane bovese // scìddho vutàno
- che tu possa romperti i piedi // na klastìse ta pòdia
- che ti cada la testa per terra // i cefalì na su ppèi cì chàmme
- che tu possa diventare cieco // stravò na fanìse
- che ti possa mangiare diarrea // na se fài chìma
- che ti possa mangiare veleno! // na se fài zargàra!
- che ti prenda una paralisi // na se piài mìa paralisìa
- che tu possa restare solo // na mìnis èrremo
- che ti prenda male nel deretano // na se piài kakò sto tafanàri
- sei come una cagna figliata // ìse san mìa scìddha jennimèni
- che ti prenda l’itterizia // na se piài zzacharàna
- vai e rompiti il culo // ébba clà stòn gòlo
- vaffanculo // piàti ston gòlo
- non mi rompere i coglioni // mi mu clàse t’arkìdia
- la fica di tua madre // to mùnno ti mmànasu
- ti prude? (letteralmente: ti mangia?) // su tròghi?
- figlio di puttana! // jò àzze cùna.
Profonde, rituali e misteriose erano poi le maledizioni delle madri nei confronti di un figlio. Esse non si limitavano semplicemente alle imprecazioni, ma le stesse venivano pronunciate in atteggiamento fisico di disperazione, con i capelli scissi, in ginocchio, il seno scoperto rivolto verso oriente, nell’atto di maledire il proprio stesso seno e il latte che il figlio aveva succhiato.

Cerca nel sito