Reggio Calabria. Verso la città metropolitana. Trasferimento di deleghe, funzioni, risorse economiche e personale. Irto, Battaglia.

23.06.2016 19:14

Posted by Elio Cotronei

Leggendo delle determinazioni formali che si susseguono - trasferimento di deleghe, funzioni, risorse economiche e personale - ci viene da pensare che l'assetto normativo è essenziale,  i ruoli da assumere pure, le funzioni da attribuire doverose, ma a far funzionare la macchina in costruzione saranno gli addetti ai lavori. Guai a trasferire nelle funzioni le stesse persone. Occorre rompere vivai clientelari, istituzionalizzare una tale rotazione strutturale degli addetti da non dare il tempo alla creazione delle reti degli amici da favorire. E' un'occasione da non perdere per dare spazio a chi ha sempre operato bene e sa operare.

 

Riceviamo e pubblichiamo

“Grazie alla proposta di legge approvata quest’oggi su iniziativa della Giunta, anche il Consiglio regionale dà il proprio fattivo contributo per l’entrata in vigore della Città metropolitana di Reggio Calabria. Si tratta del primo intervento in tale direzione cui seguiranno altri provvedimenti normativi. Il testo varato dall’Assemblea allarga il novero delle competenze del nuovo ente, completandole con il trasferimento di deleghe, funzioni, risorse economiche e personale della Regione”. Lo afferma il presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, che spiega: “Con questa legge restano in capo alla Provincia di Reggio le vecchie funzioni della legge 34, che lo scorso anno erano tornate alla Regione nell’ambito del riordino complessivo delle competenze, reso necessario dalla legge Delrio. Adesso quelle funzioni, come ha ricordato il vicepresidente della Giunta Viscomi, tornano nella disponibilità della Provincia in attesa che quest’ultimo ente lasci definitivamente il posto alla Città metropolitana”. Ad avviso del rappresentante di Palazzo Campanella, “il proficuo lavoro che gli uffici del Consiglio hanno svolto, anche nella Prima commissione presieduta dal collega Sergio, ha consentito di accelerare ulteriormente la piena definizione dell’architettura istituzionale della Città metropolitana. Una sfida, quest’ultima, alla quale da calabresi e da reggini guardiamo con fiducia e speranza, nella consapevolezza del ruolo centrale che Reggio dovrà assumere dal prossimo autunno in Calabria, nel Mezzogiorno e nel bacino del Mediterraneo".

Fonte Portavoce Presidenza Cons. Regionale

 

 

“Esprimo soddisfazione per l’approvazione della proposta di legge con la quale vengono avviati, da parte della Regione, i primi interventi per favorire la costituzione della Città Metropolitana di Reggio Calabria”.

E’ quanto dichiara il consigliere regionale del Pd e presidente della Conferenza permanente per l’Area dello Stretto, Domenico Battaglia.

“Con il provvedimento licenziato oggi dal Consiglio regionale - nelle more dell’approvazione della legge generale di riordino prevista dall’art. 1 della legge regionale n. 14/2015 - si è concordato di lasciare in capo alla costituenda Città Metropolitana di Reggio Calabria le funzioni ivi indicate, mantenendo il personale che era transitato con legge regionale n. 34 del 2002 e trasferendo le relative risorse finanziarie che ammontano a circa 10 milioni di euro per le singole annualità 2016, 2017 e 2018”.

“Abbiamo compiuto il primo passo in direzione della costituzione della Città Metropolitana e per la promozione e valorizzazione del nuovo Ente Locale. Attraverso il provvedimento - aggiunge - verranno pertanto mantenute le funzioni già conferite alla ex Provincia di Reggio Calabria sulla base della legge regionale del 12 agosto 2002 n. 34”.

“Grazie a questo passaggio istituzionale - prosegue Battaglia - si assicura la continuità dell’attività amministrativa e gestionale dell’ex Ente Provincia e si mantengono i livelli occupazionali esistenti, garantendo certezze e serenità ai lavoratori e alle loro famiglie. Voglio in questa sede ricordare che tra le dieci Città Metropolitane, le uniche che nel 2015 hanno rispettato il Patto di stabilità per 367 milioni di euro sono state Reggio Calabria e Bologna.  Pertanto - conclude Domenico Battaglia - la nuova legge parte per il nuovo Ente Locale sotto i migliori auspici”.

 Fonte Ufficio Stampa del Consiglio Regionale

 

 

Cerca nel sito