RECIPROCA OSTILITA'

13.07.2016 09:18

Rubrica Europa ellenofona di Filippo Violi - 

 

 

E continuando nelle offese tra i vari paesi troviamo ancora un invito ai bovesi a battersi con le pietre

 

e andare a raccomandarsi a San Leo, santo Protettore di Bova. Il canto sembra avere qualche

 

spunto storico ma non ne riusciamo ad individuarne le motivazioni, eccetto che non si voglia fare

 

riferimento a vecchi problemi tra Amendolesi e Bovesi che risalivano al tempo del diploma greco di

 

Bova e Amendolea1

 

......

 

Vutanùdia, klaftàte, klaftàte

 

pàci ston Vùa plèo de tthorìte.

 

Pìate ‘na lithàri, batteftàte,

 

amèste ston Ajeddhèo, parakalìte.

 

.............

 

Bovesacci, piangete, piangete,

 

pace a Bova più non vedrete.

 

Prendete una pietra, battetevi,

 

andate a San Leo, pregate

 

...........

 

E di rimando i Bovesi contro la gente di Amendolea, quasi a voler offendere in maniera

 

possente l’etnia degli amendolesi:

 

...............

 

‘Irta na travudào àndo San Bestiàno,

 

appòtte na kùi òli i Amiddalìa;

 

na sas ìpo na’rtete s’anàno

 

me rùnghe, me pelècia, me raddìa;

 

ti ìrta na sas ìpo pìa ène i ràzza,

 

paghinnomèni àndin Amiddalìa;

 

ce a tthèlite na zziporèite ti ràzza:

 

òli mulària tu Maddhà ce tu abbatìu.

 

..................

 

Venni per cantare da S. Sebastiano,

 

affinché da qui ascolti tutta Amendolea

 

per dirvi che veniate in su

 

con roncole, accette e bastoni;

 

ché venni a dirvi quale sia la razza,

 

o sbrindellati dell’Amendolea;

 

e se volete conoscere la vostra razza:

 

tutti bastardi di Maddà e dell’abate.

 

.............

 

E come se non bastasse, si avverte nei canti Bovesi un senso di superiorità di razza:

 

..............

 

O Middalitàni senza dukazziòni,

 

thèlite partìti me Vutànu.

 

Esù ìrte me màgni dukazziòni,

 

de ssu sònno ìpi <>,

 

en don sònno càmi.

 

Ma emì emonìame sto tThiò:

 

mi kànome partìti me Middalitànu:

 

s’arringrazziègguo poddhì j’affezziòni

 

ma tin dichatèramu tin prandègguo

 

me Vutànu.

 

.............

 

Amendolesi senza educazione,

 

volete matrimoni coi Bovesi.

 

Tu sei venuto con bella educazione,

 

non posso dirti <>,

 

non posso farlo.

 

Ma noi giurammo in Dio

 

di non fare matrimoni con Amendolesi

 

Ti ringrazio molto dell’affezione,

 

ma mia figlia la sposo

 

con i Bovesi.

 

.............

 

Termino con questo ultimo canto di cui conosciamo soltanto la versione romanza. Il canto

 

prende di mira gli abitanti di Chorìo di Roccaforte che minacciano quelli di Roghudi ( i due

 

paesi si trovano sulle sponde opposte dell’Amendolea, l’antico Alece). I Roghudioti si

 

recavano notoriamente a Chorìo per “corteggiare” le donne di Roccaforte, sia che fossero

 

sposate o nubili.

 

L’anonimo estensore del mottetto descrive in rima il fatto e, in maniera abbastanza decisa,

 

lo invita a girare la largo2.

 

.............

 

- Micu Dormi, chi venìsti a ffari?

 

No lu sapìvi chi ccà ncè Ruggèri?

 

- Eu vìnni perchì ndàiu a chi ffàri,

 

ndàiu mi nci pàrru a to’ mugghièri.

 

..............

 

- Mali mi ti manda lu Signùri

 

e mi ti dura trentasei simàni!

 

E si non bàstanu li caddhàri di Righùdi

 

Mandàmu ddhà bànda a lu mènzu casàli.3

 

............

 

 

1 cfr. F. Violi, La grecità calabrese – storia e origini, Apodiafàzzi, Messina-Bova, 1997, pp. 70-73

2 Il canto è riportato in A. Romeo, Naràde d’Aspromonte, Rexodes Magna Grecia, Reggio Calabria, 1991, p.185 

3 I nomi di Micu Dormi e Ruggeri sono chiaramente inventati, anzi forse più che nomi possiamo definirli condizioni dipensare e di vedere. Infatti Micu Dormi sta per “Domenico l’addormentato”, “gentaglia che non capisce”, e Ruggeri per “proprietà privata”.

RECIPROCA OSTILITÀ
 
E continuando nelle offese tra i vari paesi troviamo ancora un invito ai bovesi a battersi con le pietre
 
e andare a raccomandarsi a San Leo, santo Protettore di Bova. Il canto sembra avere qualche
 
spunto storico ma non ne riusciamo ad individuarne le motivazioni, eccetto che non si voglia fare
 
riferimento a vecchi problemi tra Amendolesi e Bovesi che risalivano al tempo del diploma greco di
 
Bova e Amendolea1
 
......
 
Vutanùdia, klaftàte, klaftàte
 
pàci ston Vùa plèo de tthorìte.
 
Pìate ‘na lithàri, batteftàte,
 
amèste ston Ajeddhèo, parakalìte.
 
.............
 
Bovesacci, piangete, piangete,
 
pace a Bova più non vedrete.
 
Prendete una pietra, battetevi,
 
andate a San Leo, pregate
 
...........
 
E di rimando i Bovesi contro la gente di Amendolea, quasi a voler offendere in maniera
 
possente l’etnia degli amendolesi:
 
...............
 
‘Irta na travudào àndo San Bestiàno,
 
appòtte na kùi òli i Amiddalìa;
 
na sas ìpo na’rtete s’anàno
 
me rùnghe, me pelècia, me raddìa;
 
ti ìrta na sas ìpo pìa ène i ràzza,
 
paghinnomèni àndin Amiddalìa;
 
ce a tthèlite na zziporèite ti ràzza:
 
òli mulària tu Maddhà ce tu abbatìu.
 
..................
 
Venni per cantare da S. Sebastiano,
 
affinché da qui ascolti tutta Amendolea
 
per dirvi che veniate in su
 
con roncole, accette e bastoni;
 
ché venni a dirvi quale sia la razza,
 
o sbrindellati dell’Amendolea;
 
e se volete conoscere la vostra razza:
 
tutti bastardi di Maddà e dell’abate.
 
.............
 
E come se non bastasse, si avverte nei canti Bovesi un senso di superiorità di razza:
 
..............
 
O Middalitàni senza dukazziòni,
 
thèlite partìti me Vutànu.
 
Esù ìrte me màgni dukazziòni,
 
de ssu sònno ìpi <>,
 
en don sònno càmi.
 
Ma emì emonìame sto tThiò
 
 
 
1 cfr. F. Violi, La grecità calabrese – storia e origini, Apodiafàzzi, Messina-Bova, 1997, pp. 70-73
 
:
 
mi kànome partìti me Middalitànu:
 
s’arringrazziègguo poddhì j’affezziòni
 
ma tin dichatèramu tin prandègguo
 
me Vutànu.
 
.............
 
Amendolesi senza educazione,
 
volete matrimoni coi Bovesi.
 
Tu sei venuto con bella educazione,
 
non posso dirti <>,
 
non posso farlo.
 
Ma noi giurammo in Dio
 
di non fare matrimoni con Amendolesi
 
Ti ringrazio molto dell’affezione,
 
ma mia figlia la sposo
 
con i Bovesi.
 
.............
 
Termino con questo ultimo canto di cui conosciamo soltanto la versione romanza. Il canto
 
prende di mira gli abitanti di Chorìo di Roccaforte che minacciano quelli di Roghudi ( i due
 
paesi si trovano sulle sponde opposte dell’Amendolea, l’antico Alece). I Roghudioti si
 
recavano notoriamente a Chorìo per “corteggiare” le donne di Roccaforte, sia che fossero
 
sposate o nubili.
 
L’anonimo estensore del mottetto descrive in rima il fatto e, in maniera abbastanza decisa,
 
lo invita a girare la largo2.
 
.............
 
- Micu Dormi, chi venìsti a ffari?
 
No lu sapìvi chi ccà ncè Ruggèri?
 
- Eu vìnni perchì ndàiu a chi ffàri,
 
ndàiu mi nci pàrru a to’ mugghièri.
 
..............
 
- Mali mi ti manda lu Signùri
 
e mi ti dura trentasei simàni!
 
E si non bàstanu li caddhàri di Righùdi
 
Mandàmu ddhà bànda a lu mènzu casàli.3
 
............
 
 
 
2 Il canto è riportato in A. Romeo, Naràde d’Aspromonte, Rexodes Magna Grecia, Reggio Calabria, 1991, p.185 3 I nomi di Micu Dormi e Ruggeri sono chiaramente inventati, anzi forse più che nomi possiamo definirli condizioni di
 
pensare e di vedere. Infatti Micu Dormi sta per “Domenico l’addormentato”, “gentaglia che non capisce”, e Ruggeri per
 
“proprietà privata”.

Cerca nel sito