O FUDDHITTU - IL FOLLETTO (n.5)

19.07.2016 09:26

Rubrica Europa Ellenofona di Filippo Violi  -  

Ma a parte le “Anarade”, altri personaggi mitologici animavano il mondo tradizionale dell’ambiente rurale greco. Diversamente dalle Anarade, nelle tradizioni grecaniche, è infatti la presenza del Folletto2, in genere apportatore di fortuna, ma solo se qualcuno fosse riuscito a rubargli il cappellino rosso che portava in testa, e a non rivelarlo a nessuno. Il termine folletto si riferisce a una minuscola creatura magica. Il nome deriva per sincretismo linguistico da folle, e forse folata, e l'arabo farfar. Il folletto è un personaggio fantastico della tradizione popolare che vive nelle fiabe e nelle leggende. È identificato originariamente con un essere buffo e grottesco, veloce e sfuggente, piccolo e agile, ma anche con una creatura invisibile, un turbine di vento, un misterioso burlone che intreccia le criniere e i capelli delle persone. Abita in tane nei boschi di conifere o presso le case degli uomini, nei cortili e nei granai, esce quasi sempre solo di notte per divertirsi a fare dispetti alle bestie delle stalle e a scompigliare i capelli delle belle donne, a disordinare gli utensili agricoli e gli oggetti delle case e a molestare le persone povere di spirito. Ma neanche con i folletti si poteva scherzare troppo, altrimenti si rischiava grosso. Così ci suggerisce, infatti, una favoletta poco conosciuta sui folletti, nella quale si dice che:
……………….
O FUDDHÌTTU
Enan purrì tu minù tu maìu àzze tòssa chrònia apìssu, san ipìgame sto mali me ton gàdaro, jatì den ìche dè strate ce den currère, o ìglio den ìton acomì apojèrronda ce egò, manachì, jatì o àndramu ìton pàonda sto mercàto na agorài zòa, ìmmon acomì sto crevàtti senza na sciporèo an immo ciùmiddhi o an immo oli asciunnemmèni: Ce ‘nnà, pòsso ti kùo ena rumùri, san pòte ti canè eporpàtinne me ta sulèria me ta taccùgna. Plèon istèke ce plèon achò ìcunna, san pote ti arte den eporpàtinne manachò stin càmmara ma ti ànighe tin arclì ce ta tinatùria tis armèra, jà jirìzzi ticandì. Esciàstina, jatì istèkame acomì sta choràfia, ce den iche canèna na tu rotìo afùdima. Edèlescina stenì stenì mesa ste cuvèrte, paracalònda ton Ajaddhèo jà na guàli to cacò an do spìtimmu. Ce plèon istèke ce plèon achò ìcunna. Posso jà na ivro, ligo ligo, aposcèpaza te cuvèrte ce ti vlèpo? Ènan christianùci cùnduro cùnduro, me ta sulèria me ta taccùgna zzilà, san ecìna to jinekò. Iche apòi ènan cappeddhàci ruso stin cefalì c’ènan zoguàri càsbe me mìa zzikkinìa a rrighi. Eporpatìnne jà tin càmmara anìgonda ce clìvonda ta tinatùria san pote ti ejìregue ticandì. Pe mu ivre ti to ecanùnie, efermèstine ce mu ipe: << Mi sciastìse, ti den su cànno tìpote azze cacà, stèko manachò jirègguonda mia giaccopùddha jà na forestò kalà. An mu dònnise mia giàcca tu andrùsu, sto spìtisu jomòmmete azze pràmata ti zzèri o Thiò, mandè … lipi essèna!>>. Acomì oli sciasmèni egò tu arrispùndezza ti den ìsonna tu ti ddoi , jatì apoi o àndramu ìsonne me raddhì, pistègguonda ti sceri ti prama. Ce jà tin alìthia, san tuto ipa, den m'epistèzze. Pos na kùi tunda lòja echòliazze, mu èdoke mian ascimì vlepimìa, ejiài ta fàttitu ce èfighe. Egò èmina acomì plè sciasmèni, ce sirma mu ìrtai ston ammialò cinda pràmata ti mas elègai ta pappùdiama to chimòna, pote, pinammèni andi sprichàda, prita na traclithùme, istèkame delemmèni jìro sto foculàri, me ti sperànza, ti mia magni 'mèra na pandìome ciòla emìse enan fuddhìttu na ma ccàmi plusi.
Acchèroa na paracalìo ton Ajo, ma jà lìpimu tìpote ìsce na cami manco ecìno na m'afudìi.. Ce dòpu ligon kerò accheròai na mu pethànu pùddhe ce cunèglia ce ola t’àddha zòa. San mu epethànasa ciòla i vuthulìe, echàrria ti thamme iton atonimèno, ma tìpote: den mu epèthane manachò o àndramu, ma èchasa ciòla ta pràmatamu ce tin ighìamu. ‘Ichai propriu ragiùni i jèri san elègai ti me tus fuddhìttu den burlègguete: isònnai mas ddòi plusìa an ecànname cino ti ethèlai, ca na mi to ìpome canenu pu tus ìvrame, o isònnai mas feri lutti ce pono, san mu ìton jenàstonda emmèna, an tus ipìgame cùntra. Ah, an ìmmon pistèzzonda se tunda pràmata ce tu tin ìmmon dòsonda ti giaccopùddha! Mavromèni emmèna! Emìna stochì ce pàccia, senza cartèddhi ce agguà.
……………..
IL FOLLETTO
[Una mattina del mese di maggio di tanti anni fa, quando si andava in giro con l'asino perché non c'erano né strade né corriere, il sole non era ancora salito all'orizzonte ed io - sola, perché mio marito era andato alla fiera per comprare animali - ero ancora a letto senza sapere se dormivo o ero completamente sveglia. Ed ecco, all'improvviso sentii un rumore come se uno camminasse con le scarpe con i tacchi. Più stava e più il rumore aumentava, come se ora non solo camminasse nella stanza ma aprisse la cassapanca e i cassetti dell'armadio per cercare qualcosa. Fui presa dalla paura perché stavamo ancora nelle campagne e non c'era nessuno a cui chiedere aiuto. Mi raccolsi stretta tra le coperte pregando San Leo che cacciasse quel male dalla mia casa. Ma più stava e più aumentava il rumore. Incuriosita, piano piano, alzai le coperte e che vidi? Un omiciattolo basso basso con le scarpe coi tacchi alti come quelli di una donna. Aveva poi un cappellino rosso in testa e un pantalone con la camicia a righe. Camminava per la stanza aprendo e chiudendo i cassetti come se cercasse qualcosa. Appena vide che lo guardavo, si fermò e mi disse: " Non ti spaventare, perché non ti faccio niente di male. Sto solamente cercando una giacchetta per vestirmi per bene. Se mi darai una giacca di tuo marito in questa tua casa ci sarà ogni ben di Dio, altrimenti ... guai a te"! Tutta ancora impaurita e senza pensarci, io gli risposi che non potevo dargliela perché poi mio marito avrebbe potuto bastonarmi sospettando chissà che cosa. Tanto che, per la verità, quando glielo raccontai, non mi credette. Appena sentì queste parole s'inviperì, mi diede una brutta occhiata, se ne andò e scappò.
Io restai ancora più spaventata e subito mi vennero in mente quelle cose che ci raccontavano i nostri nonni in inverno quando affamati e infreddoliti prima di coricarci stavamo riuniti attorno al focolare, con la speranza un bel giorno d'incontrare anche noi un folletto che ci facesse ricchi. E guarda, neanche a farlo apposta, proprio a me, mentre ero sola e in aperta campagna, mi doveva capitare il folletto che, invece di lasciarmi benessere e ricchezza, aveva minacciato di mandarmi chissà quale disgrazia. Incominciai a pregare il Santo, ma purtroppo neanche lui poté far niente per aiutarmi. E dopo poco tempo cominciarono a morirmi galline e conigli e tutti gli altri animali. Quando mi morirono pure le vacche pensai che forse si era stancato, ma niente: non solo morì mio marito, ma persi pure ogni cosa e la salute. Avevano proprio ragione gli antichi quando dicevano che con i folletti non si scherza: potevano essere fonte di ricchezza se si faceva quello che volevano e senza che si dicesse in giro di averli visti, oppure diventavano causa di lutti e dolori, come mi era capitato, se li contrariavamo. "Ah, se avessi sospettato tutte quelle cose, eccome se gliel'avessi data la giacchetta! Povera me! Restai povera e pazza, senza cesto e senza uova"]3.
 
_______________________________________________________________
1 F. Violi, I Nuovi Testi Neogreci di Calabria, ed. Iiriti, Reggio Calabria, 2005, Vol. I, p. 238. Sebbene abbia origini popolari, la fiaba è un genere più recente della favola. Essa è una narrazione di solito scritta in prosa e può avere come scopo sia l’insegnamento morale che il puro divertimento. Le fiabe sono popolati di personaggi fantastici: fate, orchi, folletti, ecc., sempre coinvolti in vicende straordinarie dove domina l’elemento magico.
2 Il folletto in genere è un personaggio buono, ma vendicativo.
Ce vrè, mancu na to cami appòsta, pròpriu emmèna, pos immom manachì ce sto choràfi, iche na me pandì o fuddhìttu, ti mbeci na m'afìki benèsseri ce plusìa, èthele na mu steddhi pi sceri pia lipi.
3 Questa favola era stata da me consegnata ad A. Romeo che l’aveva pubblicata, senza citare la fonte, nel suo testo In mille dall’Arcivescovo, ed. Rexodes Magna Grecia, Reggio Calabria, 1988

 

 

LA FIABA1 DEL FOLLETTO n.5
Ma a parte le “Anarade”, altri personaggi mitologici animavano il mondo tradizionale dell’ambiente rurale greco. Diversamente dalle Anarade, nelle tradizioni grecaniche, è infatti la presenza del Folletto2, in genere apportatore di fortuna, ma solo se qualcuno fosse riuscito a rubargli il cappellino rosso che portava in testa, e a non rivelarlo a nessuno. Il termine folletto si riferisce a una minuscola creatura magica. Il nome deriva per sincretismo linguistico da folle, e forse folata, e l'arabo farfar. Il folletto è un personaggio fantastico della tradizione popolare che vive nelle fiabe e nelle leggende. È identificato originariamente con un essere buffo e grottesco, veloce e sfuggente, piccolo e agile, ma anche con una creatura invisibile, un turbine di vento, un misterioso burlone che intreccia le criniere e i capelli delle persone. Abita in tane nei boschi di conifere o presso le case degli uomini, nei cortili e nei granai, esce quasi sempre solo di notte per divertirsi a fare dispetti alle bestie delle stalle e a scompigliare i capelli delle belle donne, a disordinare gli utensili agricoli e gli oggetti delle case e a molestare le persone povere di spirito. Ma neanche con i folletti si poteva scherzare troppo, altrimenti si rischiava grosso. Così ci suggerisce, infatti, una favoletta poco conosciuta sui folletti, nella quale si dice che:
……………….
O FUDDHÌTTU
Enan purrì tu minù tu maìu àzze tòssa chrònia apìssu, san ipìgame sto mali me ton gàdaro, jatì den ìche dè strate ce den currère, o ìglio den ìton acomì apojèrronda ce egò, manachì, jatì o àndramu ìton pàonda sto mercàto na agorài zòa, ìmmon acomì sto crevàtti senza na sciporèo an immo ciùmiddhi o an immo oli asciunnemmèni: Ce ‘nnà, pòsso ti kùo ena rumùri, san pòte ti canè eporpàtinne me ta sulèria me ta taccùgna. Plèon istèke ce plèon achò ìcunna, san pote ti arte den eporpàtinne manachò stin càmmara ma ti ànighe tin arclì ce ta tinatùria tis armèra, jà jirìzzi ticandì. Esciàstina, jatì istèkame acomì sta choràfia, ce den iche canèna na tu rotìo afùdima. Edèlescina stenì stenì mesa ste cuvèrte, paracalònda ton Ajaddhèo jà na guàli to cacò an do spìtimmu. Ce plèon istèke ce plèon achò ìcunna. Posso jà na ivro, ligo ligo, aposcèpaza te cuvèrte ce ti vlèpo? Ènan christianùci cùnduro cùnduro, me ta sulèria me ta taccùgna zzilà, san ecìna to jinekò. Iche apòi ènan cappeddhàci ruso stin cefalì c’ènan zoguàri càsbe me mìa zzikkinìa a rrighi. Eporpatìnne jà tin càmmara anìgonda ce clìvonda ta tinatùria san pote ti ejìregue ticandì. Pe mu ivre ti to ecanùnie, efermèstine ce mu ipe: << Mi sciastìse, ti den su cànno tìpote azze cacà, stèko manachò jirègguonda mia giaccopùddha jà na forestò kalà. An mu dònnise mia giàcca tu andrùsu, sto spìtisu jomòmmete azze pràmata ti zzèri o Thiò, mandè … lipi essèna!>>. Acomì oli sciasmèni egò tu arrispùndezza ti den ìsonna tu ti ddoi , jatì apoi o àndramu ìsonne me raddhì, pistègguonda ti sceri ti prama. Ce jà tin alìthia, san tuto ipa, den m'epistèzze. Pos na kùi tunda lòja echòliazze, mu èdoke mian ascimì vlepimìa, ejiài ta fàttitu ce èfighe. Egò èmina acomì plè sciasmèni, ce sirma mu ìrtai ston ammialò cinda pràmata ti mas elègai ta pappùdiama to chimòna, pote, pinammèni andi sprichàda, prita na traclithùme, istèkame delemmèni jìro sto foculàri, me ti sperànza, ti mia magni 'mèra na pandìome ciòla emìse enan fuddhìttu na ma ccàmi plusi.
1 F. Violi, I Nuovi Testi Neogreci di Calabria, ed. Iiriti, Reggio Calabria, 2005, Vol. I, p. 238. Sebbene abbia origini popolari, la fiaba è un genere più recente della favola. Essa è una narrazione di solito scritta in prosa e può avere come scopo sia l’insegnamento morale che il puro divertimento. Le fiabe sono popolati di personaggi fantastici: fate, orchi, folletti, ecc., sempre coinvolti in vicende straordinarie dove domina l’elemento magico.
2 Il folletto in genere è un personaggio buono, ma vendicativo.
Ce vrè, mancu na to cami appòsta, pròpriu emmèna, pos immom manachì ce sto choràfi, iche na me pandì o fuddhìttu, ti mbeci na m'afìki benèsseri ce plusìa, èthele na mu steddhi pi sceri pia lipi.
Acchèroa na paracalìo ton Ajo, ma jà lìpimu tìpote ìsce na cami manco ecìno na m'afudìi.. Ce dòpu ligon kerò accheròai na mu pethànu pùddhe ce cunèglia ce ola t’àddha zòa. San mu epethànasa ciòla i vuthulìe, echàrria ti thamme iton atonimèno, ma tìpote: den mu epèthane manachò o àndramu, ma èchasa ciòla ta pràmatamu ce tin ighìamu. ‘Ichai propriu ragiùni i jèri san elègai ti me tus fuddhìttu den burlègguete: isònnai mas ddòi plusìa an ecànname cino ti ethèlai, ca na mi to ìpome canenu pu tus ìvrame, o isònnai mas feri lutti ce pono, san mu ìton jenàstonda emmèna, an tus ipìgame cùntra. Ah, an ìmmon pistèzzonda se tunda pràmata ce tu tin ìmmon dòsonda ti giaccopùddha! Mavromèni emmèna! Emìna stochì ce pàccia, senza cartèddhi ce agguà.
……………..
IL FOLLETTO
[Una mattina del mese di maggio di tanti anni fa, quando si andava in giro con l'asino perché non c'erano né strade né corriere, il sole non era ancora salito all'orizzonte ed io - sola, perché mio marito era andato alla fiera per comprare animali - ero ancora a letto senza sapere se dormivo o ero completamente sveglia. Ed ecco, all'improvviso sentii un rumore come se uno camminasse con le scarpe con i tacchi. Più stava e più il rumore aumentava, come se ora non solo camminasse nella stanza ma aprisse la cassapanca e i cassetti dell'armadio per cercare qualcosa. Fui presa dalla paura perché stavamo ancora nelle campagne e non c'era nessuno a cui chiedere aiuto. Mi raccolsi stretta tra le coperte pregando San Leo che cacciasse quel male dalla mia casa. Ma più stava e più aumentava il rumore. Incuriosita, piano piano, alzai le coperte e che vidi? Un omiciattolo basso basso con le scarpe coi tacchi alti come quelli di una donna. Aveva poi un cappellino rosso in testa e un pantalone con la camicia a righe. Camminava per la stanza aprendo e chiudendo i cassetti come se cercasse qualcosa. Appena vide che lo guardavo, si fermò e mi disse: " Non ti spaventare, perché non ti faccio niente di male. Sto solamente cercando una giacchetta per vestirmi per bene. Se mi darai una giacca di tuo marito in questa tua casa ci sarà ogni ben di Dio, altrimenti ... guai a te"! Tutta ancora impaurita e senza pensarci, io gli risposi che non potevo dargliela perché poi mio marito avrebbe potuto bastonarmi sospettando chissà che cosa. Tanto che, per la verità, quando glielo raccontai, non mi credette. Appena sentì queste parole s'inviperì, mi diede una brutta occhiata, se ne andò e scappò.
Io restai ancora più spaventata e subito mi vennero in mente quelle cose che ci raccontavano i nostri nonni in inverno quando affamati e infreddoliti prima di coricarci stavamo riuniti attorno al focolare, con la speranza un bel giorno d'incontrare anche noi un folletto che ci facesse ricchi. E guarda, neanche a farlo apposta, proprio a me, mentre ero sola e in aperta campagna, mi doveva capitare il folletto che, invece di lasciarmi benessere e ricchezza, aveva minacciato di mandarmi chissà quale disgrazia. Incominciai a pregare il Santo, ma purtroppo neanche lui poté far niente per aiutarmi. E dopo poco tempo cominciarono a morirmi galline e conigli e tutti gli altri animali. Quando mi morirono pure le vacche pensai che forse si era stancato, ma niente: non solo morì mio marito, ma persi pure ogni cosa e la salute. Avevano proprio ragione gli antichi quando dicevano che con i folletti non si scherza: potevano essere fonte di ricchezza se si faceva quello che volevano e senza che si dicesse in giro di averli visti, oppure diventavano causa di lutti e dolori, come mi era capitato, se li contrariavamo. "Ah, se avessi sospettato tutte quelle cose, eccome se gliel'avessi data la giacchetta! Povera me! Restai povera e pazza, senza cesto e senza uova"]3.
3 Questa favola era stata da me consegnata ad A. Romeo che l’aveva pubblicata, senza citare la fonte, nel suo testo In mille dall’Arcivescovo, ed. Rexodes Magna Grecia, Reggio Calabria, 1988

Cerca nel sito