I CANTI EBDOMADARI NELLA TRADIZIONE CALABRO-GRECA

26.07.2016 17:34

Rubrica europa ellenofona di Filippo Violi - 

 

Alcuni canti calabrogreci costituiscono una specie di calendario della settimana ( in grecanico: ‘ddomàdi = settimana). Nel corso di questo volume ne abbiamo esaminato qualcuno che qui riporteremo insieme agli altri per avere un quadro d’insieme.

A cosa sono legati questi canti?

Generalmente al lavoro, alle pratiche esorcistiche del malocchio, ai pastori, alle tradizioni religiose, ecc..

I più conosciuti sono certamente quelli legati alle pratiche rituali del malocchio:

………….

Ti purrì ti desthèra

ti purrì ti trìti

ti purrì ti tetràdi

ti purrì ti pèsti

ti purrì ti parasceguì

ti purrì tu savàtu

ti purrì ti ciuriacì

Kàtha portammìa

Chàmme na chathì.

………….

La mattina di lunedì

la mattina di martedì

la mattina di mercoledì

la mattina di giovedì

la mattina di venerdì

la mattina di sabato

la mattina di domenica

ogni malocchio

si perda per terra.

………………

Dotato di una certa originalità è il canto con il quale i pastori canzonavano coloro i quali pretendevano – avendone comunque diritto perché gli concedevano i pascoli - qualche prodotto del loro lavoro e del loro gregge:

…………

Luni e marti

non fazzu parti,

mèrcoli e jòvi

ccà non mi trovi,

vèneri e sàbatu

ccà non àbitu.

Domìnica è du patrùni,

veni quandu vo' tùni.

……….

Lunedi e martedi

non divido con nessuno,

mercoledi e giovedi

non mi trovi qui,

venerdi e sabato

qui non abito,

domenica è del padrone,

vieni quando vuoi tu.

……….

Ed ecco la variante grecanica:

…………

Trìti ce Destèra

den kànni ‘mèra

Pèsti ce Detràdi

ècho to pedicàdi

Sàvato ce Parasciogguì

den ècho tirì

I Ciuriacì ìmme sto patrùni

ce den mèni mànko ‘na pirùni

………..

Martedì e Lunedì

non fa giorno

Giovedì e Mercoledì

c’è il bambino

Sabato e Venerdì

non ho formaggio

Domenica sono dal padrone

E non rimane nemmeno un legnetto

…………….

Ed ecco la principale occupazione di una donna grecanica che consuma la sua vita dietro al tessere e filare senza mai ricavarne alcun beneficio:

……………

Vìata nnètho, viàta nnètho

pòsson ìcha, tòsson ècho:

tin deftèra lekatìzzo,

tin trìti den to nghìzzo,

tin tetràdi ene arghìa,

ce tin pèfti kànno zzomìa;

to parasciogguì zzimònno

Ce to sàvato mbaddhònno

………………

Sempre filo, sempre filo,

quanto avevo, tanto ho:

il lunedì metto in conocchia,

il martedì non la tocco,

il mercoledì è festa,

e il giovedì faccio pani;

Il venerdì faccio la pasta

e il sabato rattoppo!

……………….

Si noti come non venga citato in questo canto il giorno della Domenica e come, ancora una volta, quasi a perpetuare la tradizione per tutti i Venerdì dell’anno, questo giorno – così

come durante la Passione - viene sempre riservato alla pratica del pane! A proposito di questo canto, E. Kapsomenos

1 lo definisce satirico o giocoso, attribuendolo alle donne scansafatiche. Non concordo con il Kapsomenos anche se il canto potrebbe avere molte affinità con i canti neogreci cui è paragonato. Notiamo però che nei canti di Kinuria e di Creta, che il Kapsomenos riporta, è citata anche la Domenica:

……….

Versione di Kinuria2

Lunedì dormiva

e Martedì si alzava

Mercoledì fa il bucato

Giovedì lo sorveglia

Venerdì lo raccoglie

Sabato lo ripiega

e Domenica pretende

<<Ragazze, la conocchia fate>>………….

Versione di Creta3….

Lunedì oziava

e Martedì di nuovo in ozio

Mercoledì e Giovedì

Nello specchio si guardava

Venerdì i capelli lavava

Sabato li pettinava

e Domenica pretende

<<Signore, la conocchia fate>>

…………..

Intimamente legato alle tradizioni religiose è poi il canto seguente di Bova Marina, che è comunque diffuso in buona parte della Calabria. E’ un calendario della settimana che una volta la buona gente osservava nelle preghiere:

……………

Dammi l’aiutu tu, matri divina,4

chi guverni criatur’umana,

chissu velu è la medicina

chissu è l’unguentu chi ogni càia sana.

Quandu la menti mia ‘mbàsciu camìna

nci duni allèttu a sta memòria vana,

di notti e jòrnu s’aiuta e si ‘ncrìna

1E. G. Kapsomenos, Interdipendenza tra lingua e cultura nel dialetto greco della Bovesìa calabrese, “Italoellinikà”, IV, Napoli, 1991-93, p.233-234

2 D. Petropulos, Ellinikà Dimòtika Tragùdia, Biblioteca Reale, n.47

3 Tradizione orale

4 Il canto è stato raccolto a Bova Marina da A. Basile e presenta qualche imperfezione che ho cercato di correggere. cfr. A. Basile, Folklore della Calabria, Barbaro, RC, 1990, pp. 156-157

tutti li nimi di la settimàna.

Lu luniddì la Santa Catarìna

guardàmunci lu jòrnu e ndi cumbèni,

se no vo’ patìri straziu senza fìna

cu ncunsentìri li cosi terreni.

Jòrnu di l’aiùta è lu marti,

fideli me’ cristiani stamu accòrti,

lu Martedì si jòcanu ddù carti

mbiàtu cu nd’avi bona sòrti

Lu mèrcuri chi ‘porti l’abitìnu

chìddhu è lu signu di veru cristiànu,

mbiàtu cu nci lu porta di cuntìnu,

ca lu disìu soi no nesci ‘nvanu.

Lu jòvi è di lu Spirìtu Santu,

chi iu verbu ‘carnàtu è ‘nsacramèntu.

Tutti la genti si mìsaru ‘mpiàntu

chi non hannu no’ pani e no’ frumèntu.

Sci sci lu jòrnu di Giovedì è santu

cumparìu nu vascèllu di frumèntu.

Lu nostru Jesu ca crìa tantu

criàu lu mari, lu cèlu e lu ventu.

Lu vènnari è di la Santa Passiòni

Signuri, tu m’aiùti e tu m’incrìni.

Mbiàtu cu di sàbatu diùna

campa filìci di sìra a matìna,

mbiàtu cu nci porta la curùna

gloria di sua matri divina.

La dominica è di la Santa Ternitàti

beni facìmu chhjù di l’atri voti,

Domini, Domini, santificati

beni ca lu demoniu non ndi poti,

cu sunnu bocàti chiddh’animi biàti

chi stannu ‘nnanzi a Diu tanti ricòti.

I CANTI EBDOMADARI NELLA TRADIZIONE CALABRO-GRECA
Alcuni canti calabrogreci costituiscono una specie di calendario della settimana ( in grecanico: ‘ddomàdi = settimana). Nel corso di questo volume ne abbiamo esaminato qualcuno che qui riporteremo insieme agli altri per avere un quadro d’insieme.
A cosa sono legati questi canti?
Generalmente al lavoro, alle pratiche esorcistiche del malocchio, ai pastori, alle tradizioni religiose, ecc..
I più conosciuti sono certamente quelli legati alle pratiche rituali del malocchio:
………….
Ti purrì ti desthèra
ti purrì ti trìti
ti purrì ti tetràdi
ti purrì ti pèsti
ti purrì ti parasceguì
ti purrì tu savàtu
ti purrì ti ciuriacì
Kàtha portammìa
Chàmme na chathì.
………….
La mattina di lunedì
la mattina di martedì
la mattina di mercoledì
la mattina di giovedì
la mattina di venerdì
la mattina di sabato
la mattina di domenica
ogni malocchio
si perda per terra.
………………
Dotato di una certa originalità è il canto con il quale i pastori canzonavano coloro i quali pretendevano – avendone comunque diritto perché gli concedevano i pascoli - qualche prodotto del loro lavoro e del loro gregge:
…………
Luni e marti
non fazzu parti,
mèrcoli e jòvi
ccà non mi trovi,
vèneri e sàbatu
ccà non àbitu.
Domìnica è du patrùni,
veni quandu vo' tùni.
……….
Lunedi e martedi
non divido con nessuno,
mercoledi e giovedi
non mi trovi qui,
venerdi e sabato
qui non abito,
domenica è del padrone,
vieni quando vuoi tu.
……….
Ed ecco la variante grecanica:
…………
Trìti ce Destèra
den kànni ‘mèra
Pèsti ce Detràdi
ècho to pedicàdi
Sàvato ce Parasciogguì
den ècho tirì
I Ciuriacì ìmme sto patrùni
ce den mèni mànko ‘na pirùni
………..
Martedì e Lunedì
non fa giorno
Giovedì e Mercoledì
c’è il bambino
Sabato e Venerdì
non ho formaggio
Domenica sono dal padrone
E non rimane nemmeno un legnetto
…………….
Ed ecco la principale occupazione di una donna grecanica che consuma la sua vita dietro al tessere e filare senza mai ricavarne alcun beneficio:
……………
Vìata nnètho, viàta nnètho
pòsson ìcha, tòsson ècho:
tin deftèra lekatìzzo,
tin trìti den to nghìzzo,
tin tetràdi ene arghìa,
ce tin pèfti kànno zzomìa;
to parasciogguì zzimònno
Ce to sàvato mbaddhònno
………………
Sempre filo, sempre filo,
quanto avevo, tanto ho:
il lunedì metto in conocchia,
il martedì non la tocco,
il mercoledì è festa,
e il giovedì faccio pani;
Il venerdì faccio la pasta
e il sabato rattoppo!
……………….
Si noti come non venga citato in questo canto il giorno della Domenica e come, ancora una volta, quasi a perpetuare la tradizione per tutti i Venerdì dell’anno, questo giorno – così
come durante la Passione - viene sempre riservato alla pratica del pane! A proposito di questo canto, E. Kapsomenos
1 lo definisce satirico o giocoso, attribuendolo alle donne scansafatiche. Non concordo con il Kapsomenos anche se il canto potrebbe avere molte affinità con i canti neogreci cui è paragonato. Notiamo però che nei canti di Kinuria e di Creta, che il Kapsomenos riporta, è citata anche la Domenica:
……….
Versione di Kinuria2

Lunedì dormiva
e Martedì si alzava
Mercoledì fa il bucato
Giovedì lo sorveglia
Venerdì lo raccoglie
Sabato lo ripiega
e Domenica pretende
<<Ragazze, la conocchia fate>>
………….
Versione di Creta3
….
Lunedì oziava
e Martedì di nuovo in ozio
Mercoledì e Giovedì
Nello specchio si guardava
Venerdì i capelli lavava
Sabato li pettinava
e Domenica pretende
<<Signore, la conocchia fate>>
…………..
Intimamente legato alle tradizioni religiose è poi il canto seguente di Bova Marina, che è comunque diffuso in buona parte della Calabria. E’ un calendario della settimana che una volta la buona gente osservava nelle preghiere:
……………
Dammi l’aiutu tu, matri divina,4
chi guverni criatur’umana,
chissu velu è la medicina
chissu è l’unguentu chi ogni càia sana.
Quandu la menti mia ‘mbàsciu camìna
nci duni allèttu a sta memòria vana,
di notti e jòrnu s’aiuta e si ‘ncrìna
1E. G. Kapsomenos, Interdipendenza tra lingua e cultura nel dialetto greco della Bovesìa calabrese, “Italoellinikà”, IV, Napoli, 1991-93, p.233-234
2 D. Petropulos, Ellinikà Dimòtika Tragùdia, Biblioteca Reale, n.47
3 Tradizione orale
4 Il canto è stato raccolto a Bova Marina da A. Basile e presenta qualche imperfezione che ho cercato di correggere. cfr. A. Basile, Folklore della Calabria, Barbaro, RC, 1990, pp. 156-157
tutti li nimi di la settimàna.
Lu luniddì la Santa Catarìna
guardàmunci lu jòrnu e ndi cumbèni,
se no vo’ patìri straziu senza fìna
cu ncunsentìri li cosi terreni.
Jòrnu di l’aiùta è lu marti,
fideli me’ cristiani stamu accòrti,
lu Martedì si jòcanu ddù carti
mbiàtu cu nd’avi bona sòrti
Lu mèrcuri chi ‘porti l’abitìnu
chìddhu è lu signu di veru cristiànu,
mbiàtu cu nci lu porta di cuntìnu,
ca lu disìu soi no nesci ‘nvanu.
Lu jòvi è di lu Spirìtu Santu,
chi iu verbu ‘carnàtu è ‘nsacramèntu.
Tutti la genti si mìsaru ‘mpiàntu
chi non hannu no’ pani e no’ frumèntu.
Sci sci lu jòrnu di Giovedì è santu
cumparìu nu vascèllu di frumèntu.
Lu nostru Jesu ca crìa tantu
criàu lu mari, lu cèlu e lu ventu.
Lu vènnari è di la Santa Passiòni
Signuri, tu m’aiùti e tu m’incrìni.
Mbiàtu cu di sàbatu diùna
campa filìci di sìra a matìna,
mbiàtu cu nci porta la curùna
gloria di sua matri divina.
La dominica è di la Santa Ternitàti
beni facìmu chhjù di l’atri voti,
Domini, Domini, santificati
beni ca lu demoniu non ndi poti,
cu sunnu bocàti chiddh’animi biàti
chi stannu ‘nnanzi a Diu tanti ricòti.

Cerca nel sito