I ÀGATHA - LA FATA 1 (n. 6)

20.07.2016 09:38

Rubrica Europa Ellenofona di Filippo Violi -

Le fate, invece, non cessavano mai di essere buone, né si rifiutavano di fare del bene alla povera gente, se avessero potuto contare sulla loro discrezione.
La fata è una creatura leggendaria, presente nelle fiabe o nei miti, è un essere etereo e magico, una sorta di spirito della Natura. Ballano, suonano e presiedono al Fato. Si racconta infatti che un giorno un uomo le avesse incontrate sull’aia di Santa Agata…
…………….
“St’alòni tis Ayon Agàthi, èna mesimèri, estèkasi forègguonda kambòsse fàte, san anèvenne àndon mìlo ènan àthropo me to gadarùci fortomèno azz’alèvri. « Evvìva ti fforèggui!», echerètae me rispètto o kalòn àthropo. « Ce ti dde fforèggui ciòla! », errispundèzzasi ismìa cìnde mmàgne fàte, ti egapìasi tin dukazziòni cinù tu kalomìru ce tu ìpasi sìrma: «Ame, ce vrè ti t’alèvri tos sàkkossu en tegliònni mài, me pàtto na mi ìpi kanenù tis èkame èchi tùto pràma». Ecìno epromèttezze, erringrazièghezze ce, dopu ti echerètae, metapàe anèvi jà tin Chora. Ce t’alèvri tos sàkko en etegliònne mai: panda egguàddhasi ce panda ìche. I jinèka, ti den persuadèggueto, ìthela senza meno na zziporèi andon andra ti pràma iton ecìno, ce o andra en ìthele na tis tà’pi mai.
«An esù den mu lèghi», insistèggue ecìni, «jatì t’alèvri durèggui viàta, egò den sònno èchi pàci». «Ma, a ssu lègo, tegliònni t’alèvri! ». Ce manè ce dè, ce dè ce manè, o àndra, ti ìto chàonda ciòla ecìno tin pàcindu, àfike na tu fìghi ando stòma to segrèto, ce t’alèvri eskumpàrezze2”.
………………..
[Sull’aia di sant’Agata, un mezzogiorno, stavano ballando alcune fate, quando saliva dal mulino un uomo con l’asinello carico di farina. «Evviva chi balla! » salutò con rispetto il buon uomo. «E chi non balla pure! », risposero insieme quelle belle fate che apprezzarono l’educazione di quel brav’uomo, e gli soggiunsero subito: «Vai, e vedrai che la farina dei tuoi sacchi non finirà mai, a patto che tu non dica ad alcuno chi ti ha fatto avere ciò»3. Quegli promise, ringraziò e dopo aver salutato, di nuovo salì verso Bova. E la farina dei sacchi non finiva mai; sempre ne toglievano e sempre ce n’era. La moglie che non si rendeva conto, voleva sapere senza meno dal marito che cosa era quella, e il marito non voleva dirglielo mai.
«Se tu non mi dici>>, insisteva lei, <<perché la farina dura sempre, io non potrò avere pace». «Ma se te lo dico, la farina finisce! ». E sì e no, e no e sì, il marito che ormai aveva perso anch’egli la sua pace, si lasciò sfuggire dalla bocca il segreto, e la farina scomparve].
……………..
Vediamo ora un canto anonimo in cui sono citate le fate:
………….
 
I NISTÌ
……..
Ivra mia forà ston paradìso
ton Theò tèddheca agàpi,
erìscia ta chèria na to porcinìo,
sìrma m’angaliàsa’ i Fàte.
Mu ìpai: <<ti ghirèghi tùndo vìso?>>
<<Irtha na pao cì pu ène i àddhi beàti>>.
Ene beàto pis asce sàvato canni nistì,
zii charapemmèno vradi ce purrì.
………….
INVITO AL DIGIUNO
Ho visto una volta in paradiso,
Dio che è amore tanto grande,
gli ho teso le mani per adorarlo,
subito mi hanno abbracciato le Fate4.
Mi dissero: <<Che cerca questo viso?>>
<<Son venuto per andare lì dove sono gli altri beati>>.
E’ beato chi di sabato fa digiuno5,
vive felice sera e mattina
 
 
________________________________________________________________
1 F. Violi, Tradizioni popolari greco-calabre, Apodiafàzzi, Reggio C., 2001, p.129
2 Rossi-Taibbi e Caracausi, Ta sàkki ncantemmèna, in TNC, op. cit. p.403
3 Fin qui la gentilezza dell’uomo viene ripagata con la bontà delle fate che intendono davvero aiutare quel povero uomo. Ma, come era stato nel paradiso terrestre, anche in terra c’è sempre qualche regola da osservare, e qualche tentazione da superare. In alcuni racconti dei TNC (p. 249, cap. 26,27,28; 194, cap.16, 17, 18,19,20,21) incontriamo altre fate che aiutano un giovane che era stato ingannato, ma non rivelano chi esse siano, né gli chiedono di conservare il segreto dei doni che gli fanno.
4 ...mi hanno abbracciato le Fate: non si comprende bene la presenza delle Fate, nonostante siano apportatrici di bene, in un canto che comunque sembrerebbe religioso
5 beato chi di sabato fa digiuno: il canto è interessante sotto l’aspetto folklorico e tradizionale

 

 

LA FATA1
(I ÀGATHA)
Le fate, invece, non cessavano mai di essere buone, né si rifiutavano di fare del bene alla povera gente, se avessero potuto contare sulla loro discrezione.
La fata è una creatura leggendaria, presente nelle fiabe o nei miti, è un essere etereo e magico, una sorta di spirito della Natura. Ballano, suonano e presiedono al Fato. Si racconta infatti che un giorno un uomo le avesse incontrate sull’aia di Santa Agata…
…………….
“St’alòni tis Ayon Agàthi, èna mesimèri, estèkasi forègguonda kambòsse fàte, san anèvenne àndon mìlo ènan àthropo me to gadarùci fortomèno azz’alèvri. « Evvìva ti fforèggui!», echerètae me rispètto o kalòn àthropo. « Ce ti dde fforèggui ciòla! », errispundèzzasi ismìa cìnde mmàgne fàte, ti egapìasi tin dukazziòni cinù tu kalomìru ce tu ìpasi sìrma: «Ame, ce vrè ti t’alèvri tos sàkkossu en tegliònni mài, me pàtto na mi ìpi kanenù tis èkame èchi tùto pràma». Ecìno epromèttezze, erringrazièghezze ce, dopu ti echerètae, metapàe anèvi jà tin Chora. Ce t’alèvri tos sàkko en etegliònne mai: panda egguàddhasi ce panda ìche. I jinèka, ti den persuadèggueto, ìthela senza meno na zziporèi andon andra ti pràma iton ecìno, ce o andra en ìthele na tis tà’pi mai.
«An esù den mu lèghi», insistèggue ecìni, «jatì t’alèvri durèggui viàta, egò den sònno èchi pàci». «Ma, a ssu lègo, tegliònni t’alèvri! ». Ce manè ce dè, ce dè ce manè, o àndra, ti ìto chàonda ciòla ecìno tin pàcindu, àfike na tu fìghi ando stòma to segrèto, ce t’alèvri eskumpàrezze2”.
………………..
[Sull’aia di sant’Agata, un mezzogiorno, stavano ballando alcune fate, quando saliva dal mulino un uomo con l’asinello carico di farina. «Evviva chi balla! » salutò con rispetto il buon uomo. «E chi non balla pure! », risposero insieme quelle belle fate che apprezzarono l’educazione di quel brav’uomo, e gli soggiunsero subito: «Vai, e vedrai che la farina dei tuoi sacchi non finirà mai, a patto che tu non dica ad alcuno chi ti ha fatto avere ciò»3. Quegli promise, ringraziò e dopo aver salutato, di nuovo salì verso Bova. E la farina dei sacchi non finiva mai; sempre ne toglievano e sempre ce n’era. La moglie che non si rendeva conto, voleva sapere senza meno dal marito che cosa era quella, e il marito non voleva dirglielo mai.
«Se tu non mi dici>>, insisteva lei, <<perché la farina dura sempre, io non potrò avere pace». «Ma se te lo dico, la farina finisce! ». E sì e no, e no e sì, il marito che ormai aveva perso anch’egli la sua pace, si lasciò sfuggire dalla bocca il segreto, e la farina scomparve].
……………..
Vediamo ora un canto anonimo in cui sono citate le fate:
………….
1 F. Violi, Tradizioni popolari greco-calabre, Apodiafàzzi, Reggio C., 2001, p.129
2 Rossi-Taibbi e Caracausi, Ta sàkki ncantemmèna, in TNC, op. cit. p.403
3 Fin qui la gentilezza dell’uomo viene ripagata con la bontà delle fate che intendono davvero aiutare quel povero uomo. Ma, come era stato nel paradiso terrestre, anche in terra c’è sempre qualche regola da osservare, e qualche tentazione da superare. In alcuni racconti dei TNC (p. 249, cap. 26,27,28; 194, cap.16, 17, 18,19,20,21) incontriamo altre fate che aiutano un giovane che era stato ingannato, ma non rivelano chi esse siano, né gli chiedono di conservare il segreto dei doni che gli fanno.
I NISTÌ
……..
Ivra mia forà ston paradìso
ton Theò tèddheca agàpi,
erìscia ta chèria na to porcinìo,
sìrma m’angaliàsa’ i Fàte.
Mu ìpai: <<ti ghirèghi tùndo vìso?>>
<<Irtha na pao cì pu ène i àddhi beàti>>.
Ene beàto pis asce sàvato canni nistì,
zii charapemmèno vradi ce purrì.
………….
INVITO AL DIGIUNO
Ho visto una volta in paradiso,
Dio che è amore tanto grande,
gli ho teso le mani per adorarlo,
subito mi hanno abbracciato le Fate4.
Mi dissero: <<Che cerca questo viso?>>
<<Son venuto per andare lì dove sono gli altri beati>>.
E’ beato chi di sabato fa digiuno5,
vive felice sera e mattina
4 ...mi hanno abbracciato le Fate: non si comprende bene la presenza delle Fate, nonostante siano apportatrici di bene, in un canto che comunque sembrerebbe religioso
5 beato chi di sabato fa digiuno: il canto è interessante sotto l’aspetto folklorico e tradizionale

Cerca nel sito